Coltivavano 40 piante di marijuana nei boschi di Fornovo: denunciati 3 giovani

Tre giovani parmensi residenti a Fornovo di Taro (di 20, 18 e 16 anni), due dei quali già con precedenti specifici, sono stati denunciati a piede libero, per aver avviato la coltivazione abusiva di canapa indiana nei boschi della zona

Le piante di canapa indiana sequestrate dalla Finanza

Tre giovani parmensi residenti a Fornovo di Taro (di 20, 18 e 16 anni), due dei quali già con precedenti specifici, sono stati denunciati a piede libero, per aver avviato la coltivazione abusiva di canapa indiana nei boschi della zona. Quaranta in tutto le piantine rinvenute, alcune di altezza superiore al metro e mezzo, ormai prossime alla completa maturazione. Sequestrati anche gli arnesi utilizzati dagli improvvisati agricoltori: un machete ed una falce per farsi spazio tra la fitta vegetazione, fertilizzanti ed antiparassitari, due “narghilè” per fumare il prodotto finito.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nel corso delle successive perquisizioni domiciliari, presso l’abitazione di uno dei denunciati sono stati inoltre rinvenuti oltre 150 semi di cannabis. Particolarmente originali le giustificazioni addotte ai Finanzieri: il più grande dei tre contava di procurarsi così lo stupefacente, “senza gravare sul bilancio familiare”. Gli altri due puntavano invece a vendere la marijuana “per arrotondare la paghetta dei genitori”. Evidentemente sottovalutate le gravi conseguenze sul piano penale. Nonostante la recente distinzione tra droghe leggere e pesanti, infatti, la coltivazione di marijuana resta comunque punita con la reclusione fino a quattro anni e la multa sino a 26 mila euro. Il ventenne, poi, già pregiudicato con pena sospesa, rischia ora di finire in carcere. Per il minorenne, invece, si prospetta l’affidamento in prova ai servizi sociali.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo decreto: ecco tutte le regole in vigore a Parma da domani

  • Pauroso frontale a Castione Baratti: muore una 22enne di Lesignano

  • Nuovo Dpcm in arrivo: cosa cambia a Parma e provincia

  • Covid: verso un nuovo Dpcm per il lockdown?

  • Coronavirus: verso un lockdown 'morbido' e la chiusura alle 21

  • Da Piazza della Pace a Piazza Garibaldi: anche Parma protesta

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ParmaToday è in caricamento