menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
La cantina dopo il passaggio dei ladri

La cantina dopo il passaggio dei ladri

I ladri svuotano la cantina della trattoria del Cacciatore: danni per 50 mila euro

I proprietari: "Ci hanno derubato non solo di tutti i nostri salumi, ma anche di tutte le ore di lavoro, i sacrifici, le levatacce e l’anima che abbiamo speso per produrli"

Hanno effettuato un vero e proprio bltz con obiettivo la cantina della trattoria del Cacciatore di Frassinara di Sorbolo ed hanno portato via tutti i salumi, culatelli ed altro. L'azione dei ladri che, probabilmente erano più di uno e in un buon numero, è andata in scena nella notte tra lunedì 5 e martedì 6 febbraio. I proprietari del ristorante, nonostante il danno, hanno deciso di non lasciarsi trasportare dalla disperazione per il colpo subito, ma di andare avanti. I ladri, che probabilmente tenevano sott'occhio la cantina da un pò di tempo sapevano che lì dentro c'erano generi alimentari di alto valore economico. Per la trattoria un danno incalcolabile, per la banda di ladri un colpo riuscito. Le indagini sono in corso per cercare di risalire ai responsabili del maxi furto. 

"Ecco cosa rimane di un anno di lavoro -commentano i proprietari. Stanotte il cuore del cacciatore ha subito un duro colpo. Ci hanno derubato non solo di tutti i nostri salumi, ma anche di tutte le ore di lavoro, i sacrifici, le levatacce e l’anima che abbiamo speso per produrli. Sicuramente Nando con gli occhi lucidi non è uno spettacolo che vedi tutti i giorni, ma questa cosa non ci fermerà. Abbiamo 35 anni di storia alle spalle e non saranno certo quattro poveracci a metterci KO. Purtroppo non potremo offrirvi i nostri culatelli e le nostre pancette per molti mesi. Comunque Polentina, Tortelli e Cappelletti, quelli non ve li toglie nessuno!"

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Inquinamento: stop ai diesel Euro 4 fino a venerdì 5 marzo

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento