Colpo in casa da 4.500 euro a San Secondo: tre albanesi arrestati e condannati

Intervento dei Carabinieri di San Secondo e Roccabianca che hanno fermato i tre ladri che avevano appena effettuato un furto in casa di una signora: condannati a 3 anni di reclusione

Uno dei ladri le è entrato in camera da letto alle 3 e mezza del mattino del 4 novembre e l'ha svegliata. Una donna di San Secondo Parmense ha urlato alla vista del ladro che si è dato alla fuga. La prontezza di riflessi le ha permesso di avvertire subito i Carabinieri che sono intervenuti sul posto. Nel frattempo il fratello della donna è uscito ed ha visto i fari di un'auto che si allontanava. 

I militari della Stazioni di Roccabianca e San Secondo Parmense sono riusciti ad intercettare il veicolo dei ladri nei pressi del centro commerciale Nabucco. Si trattava di una Fiat Punto con a bordo quattro uomini. Imposto l’Alt i carabinieri hanno atteso l’arrivo dei commilitoni di rinforzo, provenienti della Stazione di Zibello: insieme hanno fatto scendere uno ad uno gli occupanti del mezzo, procedendo ala loro perquisizione. I tre albanesi, regolari sul territorio nazionale e residenti a Parma tentato di giustificare la loro presenza in quel luogo ed a quell’ora dichiarando di stare recandosi al lavoro. I quattro sono: C. O, nato Albania nel 1990, residente a Parma; M. Z., nato Albania nel 1989, residente Parma S. E., nato Albania nel 1985 abitante in Parma;L. E., nato  Albania nel 1986 abitante in Parma tutti con precedenti di polizia fatta eccezione per l’ultimo.

A bordo dell’auto e sulla erano rinvenuti oltre che il tradizionale kit da scasso, anche denaro e svariati gioielli in oro che la vittima del reato poco più tardi avrebbe riconosciuto come oggetti di sua proprietà per un valore di circa 4.500 euro. La refurtiva è stata immediatamente restituita alla signora. I quattro albanesi, dichiarati in arresto in flagranza di reato di furto in abitazione, la mattina del giorno 5 erano tradotti di fronte al Giudice di Parma che al termine dell’udienza di convalida, con rito abbreviato ha condannato 3 di essi a 3 anni di reclusione disponendone il trasferimento immediato in carcere.

La notte del 6 novembre intorno alle ore 02.00, questa volta i carabinieri di Roccabianca e San Secondo Parmense, hanno bloccato una Peugeot 206 con tre albanesi. si trattava di un veicolo che era stato osservato transitare dal casello a/1 dalla pattuglia della stazione di Soragna. Poco più tardi i militari delle stazioni di Roccabianca e San Secondo parmense hanno visto un veicolo che procedeva ad andatura troppo lenta in paese: a bordo tre cittadini albanesi residenti nel milanese. Tutti i soggetti erano gravati da numerosi precedenti di polizia. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L. G. nato Albania nel 1975, e M. G. nato in  Albania nel 1988, risultavano inottemperanti a provvedimenti di espulsione amministrativa emessi nei loro confronti dal prefetto di Milano. Invece  L.B.  nato Albania nel 1990 abitante a Milano, era in regola con la posizione di soggiorno. Mentre per quest’ultimo si è provveduto al rimpatrio con foglio di via obbligatorio, per i primi due è scattata la denuncia per inosservanza del decreto di espulsione. la mattina seguente sono stati accompagnati presso la questura di Parma per la nuova procedura di espulsione: i due sono stati infine accompagnati nel CIE di Milano.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid: a Parma sei positività tra il personale scolastico

  • Pestato a sangue per aver difeso un collega: barista di Busseto in ospedale

  • Coronavirus, Parma seconda in regione per numero di casi: 21 in più

  • Il Babbo più Bello d'Italia è il parmigiano Alessio Chiriani 

  • Parma-Krause: in arrivo i milioni degli americani

  • Apre un bed and breakfast ma non comunica le generalità dei clienti alla Questura: titolare denunciata

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ParmaToday è in caricamento