Cronaca

Rapina da 'Arancia Meccanica': arrestati 4 giovani di Colorno

Sabato sera la banda ha preso di mira un megozio gestito da cinesi a Casalmaggiore: con una pistola giocattolo e una mazza da baseball hanno minacciato il titolare ma hanno preso solo un pc portatile

Ha avuto modalità da 'Arancia meccanica', con l'uso di mazze da baseball e di una pistola giocattolo, la rapina a mano armata messa in atto sabato sera, nel giro di un minuto, da una banda di giovani di Colorno ai danni del negozio 'Panda' di via Galluzzi a Casalmaggiore (Cremona), gestito dal cinese Liu Shi Ming e dalla moglie. Gli autori del colpo hanno rimediato un bottino misero e sono stati arrestati, grazie a un'azione congiunta dei carabinieri di Casalmaggiore e di Viadana (Mantova). In carcere sono finiti G. C., di 22 anni, D. C., di 30, G. Z. di 19, e A.M. di 17: i maggiorenni nel carcere di Cremona, il minorenne al 'Beccaria' di Milano.

I dettagli sono stati illustrati oggi al comando dei carabinieri di Viadana dai comandanti delle due Compagnie. "Verso l'ora di chiusura del negozio, alle 19.59 di sabato, il titolare del negozio ha chiamato in modo concitato la nostra centrale - ha detto il capitano Luigi Regni di Casalmaggiore - era una rapina a mano armata dai contorni violenti con l'uso di una pistola e di due mazze da baseball, una delle quali è stata sbattuta violentemente contro il bancone in vetro. Gli individui erano mascherati e hanno puntato l'arma finta contro il negoziante".

"La banda ha preso un computer portatile del titolare ed è scappata. Il negoziante ha segnalato una Fiat di colore azzurro di media cilindrata e subito è scattato il piano antirapina, con la segnalazione ai Comandi di Viadana e Fidenza. Una pattuglia ha intercettato una Fiat Brava con a bordo quattro persone che procedeva lungo la provinciale 358 Castelnovese. I giovani hanno tentato di fuggire ma sono stati arrestati".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rapina da 'Arancia Meccanica': arrestati 4 giovani di Colorno

ParmaToday è in caricamento