Inceneritore, Villani 'suggeritore' del Gcr contro il forno di Ugozzolo?

La pubblicazione da parte de 'Il Nuovo di Parma' di alcune intercettazioni che fanno parte delle carte dell'inchiesta Public Money getta pesanti ombre sulla gestione dell'affaire inceneritore

Luigi Giuseppe Villani al Consiglio comunale sull'inceneritore

Si direbbe un gran colpo di scena. La pubblicazione da parte de 'Il Nuovo di Parma' di alcune intercettazioni che fanno parte delle carte dell'inchiesta Public Money gettano pesanti ombre sulla gestione dell'affaire inceneritore degli ultimi anni. Sul percorso che ha portato ad una lunga serie di ricorsi ed esposti in Procura e sull'opposizione all'opera del Comitato che da anni si batte contro il termovalorizzatore.

Secondo quanto pubblicato dal settimanale quello che fino ad oggi era pubblicamente il nemico numero uno dei No termo Luigi Giuseppe Villani, ex vicepresidente di Iren, arrestato il 16 gennaio per peculato e corruzione e attualmente agli arresti domiciliari, in realtà sarebbe stato molto vicino all'associazione Gestione Corretta Rifiuti e ne avrebbe suggerito alcune scelte ed uscite pubbliche. Il motivo? L'interesse dell'ex sindaco Pietro Vignali e del suo collega di partito Villani, a fermare l'inceneritore in funzione elettorale. E le richieste di dimissioni di Villani del Gcr e dell'assessore Gabriele Folli?

L'ex primo cittadino, arrestato nell'ambito della stessa inchiesta, avrebbe temuto la perdita di voti in caso l'impianto di termovalorizzazione sarebbe stato acceso. Si scopre così per esempio che rispetto all'esposto in Procura presentato dal Gcr il 17 novembre del 2010 contro una delibera del 2006 Vignali e Villani parlarono al telefono. "Mi sono raccomandato che quando lo depositano facciano un comunicato come comitato" è una delle intercettazioni pubblicate da Il Nuovo. Lo dice Villani a Vignali che chiede quali siano i tempi di presentazione dell'esposto.

Gabriele Folli e Nicoletta Paci, due esponenti del Gcr, sono oggi assessore all'Ambiente e vicesindaco con delega alla scuola della giunta Pizzarotti. E così torna in mente l'incontro segreto tra l'allora vicepresidente di Iren Luigi Villani e il sindaco Federico Pizzarotti, fresco di elezione.

LA REPLICA DEL GCR. Più che new, un deja vu. Oggi il settimanale “Il Nuovo di Parma” spara la grande notizia in prima pagina: il Gcr cerca di fermare il forno, davvero una strepitosa novità. Il Gcr coltivava Vignali e Villani per fermare il camino. Altro scoop incredibile. Dal 2006 incontriamo e cerchiamo di convincere chiunque ci capiti a tiro, senza distinzioni di sesso, razza o religione.
Non ci interessano gli schieramenti e andiamo a senso unico, terribilmente e noiosamente monocorde: fermare il forno.
Anche con Vignali ci sono stati incontri e scambi di vedute.

Anche con Villani ci siamo incontrati nella sue veste di vicepresidente di Iren, quando abbiamo portato a Parma la van Gansewinkel e dovevamo ricambiare la visita con una delegazione di Comune di Parma e Iren. Lo abbiamo già raccontato.
Il Nuovo, ovviamente mancando 20 giorni alle urne, ci mette del suo per gettar fango o almeno insinuare dubbi sugli elettori: non sia mai che si riesca a recuperare qualcosa dallo scandalo Mps. Abbiamo incontrato il Pd, il Pdl, la Lega, i Repubblicani, Rifondazione, Parma Civica, consorzi, sindacati, movimenti, industriali.

Lo scrivevamo il 12 dicembre del 2010.
https://gestionecorrettarifiuti.it/sito/modules/news/article.php?storyid=551
E l'elenco di chi avevamo fino ad allora incontrato è tuttora on line.
https://gestionecorrettarifiuti.it/pdf/Parma.pdf
Bernazzoli, Castellani, Chiesi, Barilla, Garbi, Favia, Greci, Manno, Maestri, Pagliari, Motta, Ferrari, Caselli, Guarnieri, Ubaldi, Ghiretti...

Non ci siamo mai tirati indietro nell'attaccare: lo sanno in tanti che hanno subito le nostre attenzioni.
Lo sa anche Villani, che abbiamo più volte bersagliato per la sua scarsa difesa degli interessi di Parma e del bene del territorio.
Eccone alcuni:
https://gestionecorrettarifiuti.it/sito/modules/news/article.php?storyid=433
https://gestionecorrettarifiuti.it/sito/modules/news/article.php?storyid=555
https://gestionecorrettarifiuti.it/sito/modules/news/article.php?storyid=612

Da Villani abbiamo più che altro rimediato una citazione in tribunale per il boicottaggio di Iren, per la quale ci siamo dovuti difendere. Altroché amici. Semmai siamo stati vittime, visto che la speranza di un ravvedimento aveva solo scopi elettorali per mantenere il consenso e non era suffragata da convinzioni nel merito. Siamo molto felici che Nicoletta Paci e Gabriele Folli occupino posti importanti nel governo di Parma: la loro rettitudine è una scommessa pulita sul futuro di Parma.
Ma la Paci era prima di tutto un membro dei 5 Stelle, ben prima di entrare nel Gcr.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

E Folli non ha tessere e la scelta del sindaco è stata operata sulla base di un curriculum che aveva inviato in tempi non sospetti: ci ha fatto piacere che sia stato considerato idoneo a ricoprire la carica di assessore all'ambiente.
Su Bernazzoli e la sua figlia che lavora in Iren abbiamo chiesto lumi, ma il silenzio tombale calò anche sui media: non toccare certi argomenti. Di esposti in Procura ne abbiamo fatti diversi, come segnalazioni in Europa, a Roma, a Bologna, di tutto di più per tentare ogni strada possibile. Vignali ha usato un esposto per attaccare Iren? Ci fa piacere, anche se servì a poco. Il cantiere dimostra che nonostante lo stop del 2011 i lavori non si siano fermato.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tavolini ammassati e clienti senza mascherina: chiuso un locale di via Farini

  • Coronavirus, a Parma altro balzo: 14 nuovi casi

  • Sequestrati 70 chili di alimenti scaduti in un ristorante di Parma

  • Parma, ipotesi Longo come nuovo Ceo

  • Controlli anti Covid durante la movida: multe ad una cena 'privata' a Chiozzola

  • Krause e il mercato: "A breve annunci: ringrazio i soci, ora decido io"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ParmaToday è in caricamento