Vlada: da San Pietroburgo a Colorno una vita per l'arte

Vladislava Ivanovsakaia, la donna travolta ed uccisa da un furgone in via Emilia Est si era trasferita in Italia a 5 anni: dopo aver frequentato l'Istituto Toschi aveva iniziato la sua carriera di pittrice

Ivanovskaia Vladislava, vittima del tragico incidente di ieri mattina, venerdì 24 maggio, in via Emilia Est, è nata a San Pietroburgo il 5 settembre del 1978. Si è trasferita in Italia a cinque anni, ha frequentato l'Istituto Toschi: dopo aver vissuto a Colorno si era trasferita a Parma e viveva in strada Manara. Ecco il suo profilo artistico dalla pagina Vlada Artistic Painting 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Sin dai primi passi questa giovane pittrice si affaccia al mondo della pittura a San Pietroburgo non solamente come studio di grandi artisti ma anche come trasmissione su tela di emozioni e sensazioni ; proseguendo in Italia presso l'Istituto d'Arte Paolo Toschi a Parma dove acquisisce uno stile pittorico astratto comprendente, allora come tutt'oggi, la sua dimensione spirituale ed universale. I soggetti preferiti di Ivanovskaia sono principalmente figure femminili e paesaggi; le forme che crea non nascono da una paziente osservazione dei soggetti e della natura ma, piuttosto, da uno sguardo interno che percepisce quasi inconsciamente le linee che ci circondano e che guida la sua mano nel ricreare e reinventare forme presenti in natura. Nelle sue rappresentazioni le dimensioni, spazio e materia diventano un concetto, come lo spazio ed il tempo si trasformano in materia. Nelle sue tele, frutto di sue personali ricerche, dove il reale è solo lo spunto per le sue interpretazioni, mai banali, a dominare è l'equilibrio di forme e tinte ottimamente equilibrate. I suoi quadri spiccano per la scelta cromatica del blu, dove è metafora di spiritualità, trascendenza, del silenzio e della tranquillità. Vassily Kandinsky nei suoi scritti sul colore scrive : " l'azzurro è simile ad un flauto, il blu scuro assomiglia ad un violoncello e, diventando sempre più cupo, ai suoni meravigliosi del contrabbasso; nella sua forma profonda, solenne, il suono del blu è paragonabile ai toni gravi dell'organo". Le sue pennellate esprimono emozioni istantanee donando allo sguardo dello spettatore riferimenti simbolici in una restituzione allusiva dell'immagine tra gesto, segno, materia e colore. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Travolto da un furgone e sbalzato contro una moto: ciclista 45enne gravissimo

  • A Parma il primo impianto dello stimolatore capace di interrompere i segnali di dolore al cervello

  • Devasta la stazione rischiando di far deragliare un treno: arrestato 21enne tunisino

  • Incidente sull'Asolana: moto contro un'auto, muore 50enne motociclista

  • Coronavirus, è il giorno 'zero': né decessi, né contagi

  • Tragedia in Appennino: trovato morto escursionista 55enne parmigiano

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ParmaToday è in caricamento