rotate-mobile
Domenica, 21 Aprile 2024
Cronaca

Ospedale Vecchio, favorita la ditta Pizzarotti: indagati 11 assessori

Il procuratore generale Laguardia ha chiesto il sequestro preventivo per i reati di abuso di ufficio e violazione dell'articolo 170 del codice urbani sugli immobili di interesse storico e artistico

Il procuratore capo Gerardo Laguardia ha chiesto il sequestro preventivo dell'ospedale Vecchio ed ha iscritto nel registro degli indagati 11 assessori, oltre ad un dirigente del Comune e a 2 imprenditori. Si tratta del vicesindaco uscente Paolo Buzzi e degli assessori Giorgio Aiello (Lavori pubblici), Gianluca Broglia (Bilancio), Davide Mora (Viabilità), Paolo Zoni (Commercio), Francesco Manfredi (Urbanistica), Lorenzo Lasagna (Welfare), Cristina Sassi (Ambiente), Fabio Fecci (Sicurezza), Giuseppe Pellacini (Casa) e Luca Sommi (Cultura).

Indagati anche l'imprenditore Paolo Pizzarotti, il suo braccio destro, Aldo Buttini e il responsabile comunale del procedimento, Gianpaolo Monteverdi.

Le ipotesi di reato sono abuso di ufficio e violazione dell'articolo 170 del codice Urbani sugli immobili di interesse storico e artistico. L'accusa, in sostanza, è quella di aver favorito la ditta Pizzarotti nell'aggiudicazione dei lavori in project financing e di aver predisposto in realtà una ristrutturazione dell'ospedale Vecchio anziché un restauro. Fra gli indagati non figurano nè Vignali nè l'assessore Bernini, in carcere da lunedì scorso: nessuno dei due era presente alla riunione di giunta in cui, il 27 maggio 2010, fu approvata la delibera finita sotto l'occhio della Procura.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ospedale Vecchio, favorita la ditta Pizzarotti: indagati 11 assessori

ParmaToday è in caricamento