Codice della strada, mea culpa dei parmensi: "Lo conosco ma non lo rispetto"

L'ultima ricerca dell'Osservatorio Linear dà la parola agli automobilisti ducali: alta velocità (73%), mancato uso della cintura di sicurezza (51%) e guida in stato di ebrezza (37%) le infrazioni ammesse più spesso

Passare col rosso

È più grave non conoscere le regole oppure scegliere deliberatamente di violarle? Sicuramente, quando si è alla guida di un’auto, entrambi i comportamenti sono pericolosi. Da quanto emerge dall’ultima ricerca dell’Osservatorio Linear dei Servizi commissionata a Nextplora gli automobilisti parmensi conoscono il codice ma ammettono spesso di non rispettarlo. Nessuna esitazione infatti nell’indicare che la guida in stato d’ebrezza sia altamente irresponsabile e pericolosa secondo l’86% del campione intervistato, ma allo stesso tempo, dato allarmante, indicata come una delle infrazioni stradali più commesse sulle strade della provincia emiliana secondo il 37% degli automobilisti parmensi.

Stesso dicasi per quanto riguarda il “bruciare” il semaforo: ben il 65% è consapevole che sia altamente pericoloso ma un 9% ammette che sia abitudine comune ignorarlo. Il copione non cambia nemmeno quando si parla di rispettare i limiti di velocità: il 40% dei ducali condanna apertamente questo comportamento da pirata della strada, salvo poi ammettere che è addirittura l’infrazione che si commette più spesso (73%). Che dire poi delle cinture di sicurezza? Nonostante tutti sappiano che sono obbligatorie per legge, ben un automobilista parmense su due (51%) ammette di non utilizzarle in tutte le situazioni.

Ad avvalorare ancor di più questo scenario ambiguo si aggiunge l’approccio poco ortodosso dei parmigiani nella guida in autostrada. Addirittura 8 automobilisti intervistati su 10 dichiarano, durante il tragitto, di occupare quasi sempre la corsia di sorpasso e laddove sono presenti le tre corsie, quella centrale, pur sapendo che il codice della strada indica di utilizzare la corsia più a destra possibile. Non va meglio se si parla di sorpasso in autostrada: per la metà del campione intervistato (50%) lo si segnala facendo uso dei fari abbaglianti nei confronti di chi ci precede o avvicinandosi il più possibile al veicolo da superare ignorando le distanze di sicurezza (21%).

Capitolo rotatorie. Il 91% degli abitanti della provincia emiliana è dell’idea che siano più pratiche e funzionali allo smaltimento del traffico, oltre ad abbellire il paesaggio urbano, ma purtroppo ancora un 13% non conosce la modalità di precedenza quando le si utilizza: fortunatamente il restante 87% sa che se non indicato diversamente da cartelli stradali la regola del codice della strada prevede che ha precedenza chi è già nella rotatoria.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Tuttavia gli ultimi dati recenti fanno ben sperare. Ad addolcire questo scenario ci pensano i dati dei primi due mesi di quest'anno, che rispetto allo stesso periodo del 2011, parlano di -11,5% incidenti, -22,7% di vittime e -14,5% di feriti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Pauroso frontale a Castione Baratti: muore una 22enne di Lesignano

  • Nuovo Dpcm in arrivo: cosa cambia a Parma e provincia

  • Covid, in arrivo un nuovo Dpcm: limitazioni su orari e spostamenti

  • Coronavirus: verso un lockdown 'morbido' e la chiusura alle 21

  • Marito e moglie positivi al Covid escono di casa per aiutare l'amico fermato senza patente: denunciati

  • Torna il volo Parma-Trapani

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ParmaToday è in caricamento