rotate-mobile
Lunedì, 27 Giugno 2022
Cronaca

"La struttura rimane aperta, la proprietà ha già reso disponibili 120 mila euro"

L'avvocato delle società al centro dell'inchiesta di Finanza e Procura: "L'attività viene svolta in modo ordinario, senza pregiudizio per la clientela"

Una maxi inchiesta ha portato al sequestro del centro sportivo, che comprende anche l'Aqualena Fitness, tra via Budellungo e via Ximenes, e alle indagini nei confronti di sette persone, i referenti legali delle società coinvolte e i presunti gestori 'di fatto'. L'avvocato delle società Antonio Dimichele riferisce che "l'attività viene svolta in modo ordinario e regolare dai gestori, senza alcun pregiudizio per la clientela. Per ciò che attiene alla vicenda giudiziaria -aggiunge- la contestazione verte su un presunto mancato pagamento di tasse per gli anni 2014 e 2015 per 356 mila euro. La proprietà informa che ha già reso disponibile 120 mila euro e che in sede di Riesame verserà fideiussione per l'intera somma tacitando così ogni pretesa erariale". 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"La struttura rimane aperta, la proprietà ha già reso disponibili 120 mila euro"

ParmaToday è in caricamento