Casatico, agricoltore apre un fusto: dentro le armi dei partigiani

Ieri mattina un giovane al lavoro nei campi si è imbattuto in un fusto che conteneva ordigni bellici ed alcuni proiettili, i carabinieri stanno provvedendo a mettere in sicurezza l'area

Le montagne parmigiane vissero la storia della Resistenza al nazifascismo. Il 2 febbraio del 1945 nei pressi di Castrignano di Langhirano, dove un cippo lo ricorda, i tedeschi uccisero due civili per rappresaglia. Secondo recenti ricostruzioni ancora molti residui della Guerra di Liberazione si trovano sepolti nei terreni.

Ieri mattina un agricoltore a Casatico, vicino a Langhirano, ha dissotterrato un fusto che lo aveva incuriosito dopo averlo urtato con il trattore: ha trovato alcuni ordigni bellici dell'epoca della Seconda Guerra Mondiale ed alcuni proiettili. Ha avvertito i carabinieri di Parma che stanno lavorando per mettere in sicurezza la zona e rimuovere gli ordini, che potrebbero essere ancora pericolosi a sessant'anni di distanza.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La psicosi della banda armata di spranghe: ma è solo una fake social

  • Si schiantano in auto contro un tir in A1: muoiono una 24enne incinta e il suocero 76enne

  • "Fascista di m... ti prendo a schiaffi": candidata della Lega aggredita e minacciata a Sissa

  • "Rimborsi raddoppiati per gli interventi chirurgici", sequestro di oltre 1 milione di euro alle Piccole Figlie: denunciati direttore e dirigente medico

  • Più di mille giovani a Noceto per un rave in un capannone abbandonato

  • Bollo auto, sconti e nuova modalità di pagamento: cosa cambia nel 2020

Torna su
ParmaToday è in caricamento