rotate-mobile
Cronaca Langhirano

Casatico, agricoltore apre un fusto: dentro le armi dei partigiani

Ieri mattina un giovane al lavoro nei campi si è imbattuto in un fusto che conteneva ordigni bellici ed alcuni proiettili, i carabinieri stanno provvedendo a mettere in sicurezza l'area

Le montagne parmigiane vissero la storia della Resistenza al nazifascismo. Il 2 febbraio del 1945 nei pressi di Castrignano di Langhirano, dove un cippo lo ricorda, i tedeschi uccisero due civili per rappresaglia. Secondo recenti ricostruzioni ancora molti residui della Guerra di Liberazione si trovano sepolti nei terreni.

Ieri mattina un agricoltore a Casatico, vicino a Langhirano, ha dissotterrato un fusto che lo aveva incuriosito dopo averlo urtato con il trattore: ha trovato alcuni ordigni bellici dell'epoca della Seconda Guerra Mondiale ed alcuni proiettili. Ha avvertito i carabinieri di Parma che stanno lavorando per mettere in sicurezza la zona e rimuovere gli ordini, che potrebbero essere ancora pericolosi a sessant'anni di distanza.
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Casatico, agricoltore apre un fusto: dentro le armi dei partigiani

ParmaToday è in caricamento