Public Money, il Riesame ha deciso: Villani resta ai domiciliari

L'ex vicepresidente di Iren è l'unico dei quattro arrestati del 16 gennaio, ancora sottoposto alla dimora cautelare. La sua è la posizione più delicata anche per il ritrovamento degli estratti conto di Laguardia

Il Tribunale del Riesame ha confermato gli arresti domiciliari per Luigi Giuseppe Villani, ec vicepresidente di Iren e consigliere regionale del Pdl. Dei quattro arrestati per l'operazione Public Money è l'unico ancora sottoposto al provvedimento. Gli altri 3 infatti sono stati liberati nei giorni scorsi. Libero è Vignali, l'ex sindaco di Parma. Libero anche Andrea Costa, ex presidente di Stt e Angelo Buzzi, editore di Polis Quotidiano e ex presidente di Iren Emilia. La posizione di Villani sembra quella più grave, anche per il ritrovamento degli estratti conto del Procuratore Laguardia a casa sua.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il Covid torna ad uccidere: muore una donna

  • Aereo precipita a Cremona: muore il pilota 54enne di Fontevivo

  • I Nas di Parma fanno chiudere un bar con il 100% dei lavoratori in nero

  • Il Covid uccide per il secondo giorno consecutivo, muore un uomo: otto casi in più

  • Welcome, Mister President: al via l’era Krause

  • Maxi rissa con i coltelli all'alba all'ex Salamini, quattro feriti: due gravi al Maggiore

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ParmaToday è in caricamento