Varchi, il Comune accoglie le richieste dei cittadini sulla rinuncia agli appelli

La soluzione dell'Amministrazione

Il Comune ha annunciato  di aver accolto le richieste di molti cittadini per la definizione bonaria dei giudizi in appello contro le sentenze in primo grado dei Giudici di Pace. Si parla di violazioni del Codice della Strada sulla corsia riservata ai mezzi pubblici, o alle zone a traffico limitato, accertate entro il 30 giugno 2016. Ecco le parole dell'avvocato della FederConsumatori, Silvia Dodi: “C’è un accordo che siamo riusciti ad ottenere per tutti coloro che volessero aderir: il comune è disposto a rinunciare ai propri appelli con il cittadino che deve rinunciare agli effetti delle sentenze positive e deciderà di pagare le sanzioni al minimo editale in un’unica soluzione quando si parla di importi modesti oppure rateizzarle, cosa che non è consentita senza l’accordo. Non ci sarebbe neanche nessuna maggiorazione dovuta alla legge che prevede che decorsi i sessanta giorni sia raddoppiato l’importo della sanzione. La Federconsumatori offre così una scelta alternativa rispetto a quella del secondo grado di giudizio per evitare qualunque rischio connesso all’eventuale soccombenza”

LA NOTA DEL COMUNE - 

 L’Amministrazione Comunale ha deciso di accogliere le numerose richieste avanzate dai cittadini al fine di giungere ad una definizione bonaria dei giudizi di appello contro le sentenze in primo grado dei Giudici di Pace. Si tratta delle violazioni al Codice della Strada relative alla circolazione non consentita sulla corsia riservata ai mezzi di trasporto pubblico e/o al transito in zone a traffico limitato, accertate entro il 30 giugno 2016, per cui alcuni cittadini hanno ricevuto sanzioni seriali, in particolare, per il varco installato in Via Montebello. Ne hanno parlato, questa mattina, nel corso di una conferenza stampa, l'assessore al bilancio, Marco Ferretti, e l'avvocato Silvia Dodi di Federconsumatori.

“Si tratta di un'operazione che nasce su richiesta di Federconsumatori – ha spiegato l'assessore Marco Ferretti – per non vessare i cittadini. Parliamo di multe per i cittadini che hanno vinto in primo grado. Il Comune ha fatto appello per cui l'esito del secondo grado non è certo. A questo punto, il cittadino può rinunciare, a spese compensate. Coloro che hanno un Isee sotto i 7.500 euro saranno esentati anche dalle spese vive”.

“Vogliamo evitare ai cittadini – ha spiegato l'avvocato Silvia Dodi di Federconsumatori – il rischio di gravame legato al secondo grado di giudizio con costi per il cittadino che si deve costituire con un legale o con maggiori rischi legati alla contumacia. Si tratta di un accordo soddisfacente per le parti in cui ognuno rinuncia a qualcosa per il bene dei cittadini. A questo va aggiunto che l'Amministrazione Comunale sta vincendo altri appelli per sanzioni al codice della strada con condanna dei cittadini al pagamento delle spese legali il che costituisce un onere decisamente forte per il cittadino stesso. Con questo accordo vogliamo quindi evitare qualsiasi rischio”.

La questione riguarda i cittadini che hanno vinto in I° grado con i Giudici di Pace e si vedono appellate le sentenze da parte del Comune di Parma, che ne contesta la correttezza. Data l’aleatorietà del secondo grado e tenuto conto delle ultime sentenze dei Giudici di appello, che hanno condannato i soccombenti al pagamento delle spese legali, questa soluzione permetterebbe al cittadino di pervenire ad una definizione delle cause pendenti con l’Ente, nell’ottica di riduzione del contenzioso e dei rischi ad esso connessi.

In questo modo, il contribuente potrà decidere di chiudere le controversie pagando soltanto la sanzione, al minimo edittale, per le violazioni contestate e le connesse spese sostenute dall’Ente, tramite versamento unico o in più rate.
Sempre nell’ottica di agevolazione dei cittadini, coloro i quali dovessero presentare un ISEE minore di € 7.500 non saranno gravati dalle spese vive sostenute dal Comune.
Questo risultato è stato ottenuto anche grazie alla fattiva collaborazione con l’Associazione Federconsumatori e il suo Presidente, Fabrizio Ghidini: il confronto tra Comune a Associazione sul tema ha portato alla predisposizione e approvazione della delibera di Giunta n. 50 del 10/02/2017, che disciplina le modalità di definizione delle controversie.
L’Assessore Marco Ferretti, con delega all’Avvocatura municipale, e l’Avv. Silvia Dodi, in rappresentanza dell’Associazione Federconsumatori, si dicono pienamente soddisfatti del risultato, ottenuto grazie al proficuo dialogo instaurato per la positiva risoluzione della vicenda, nel preminente interesse dei cittadini.
I cittadini che decideranno di usufruire di questa opportunità potranno contattare il Comune di Parma al numero 0521 4 0521.  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nascondevano otto chili di cocaina in un garage del San Leonardo: arrestato un pizzaiolo ed il suo complice

  • Parmense flagellato dal maltempo: allagamenti, crolli e disagi per la neve

  • Esce di strada in via Emilia sotto la pioggia a dirotto: gravissimo al Maggiore

  • Maltempo: allerta per piene dei fiumi e frane in Appennino

  • Gervinho, lesione di primo grado: ecco i tempi di recupero

  • Usò il collare elettrico fino a provocare la morte del cane: condannato allevatore 47enne di Parma

Torna su
ParmaToday è in caricamento