rotate-mobile
Cronaca

Omicidio di San Polo, si indaga sulla premeditazione: Fang rischia l'ergastolo

I Pm hanno ipotizzato varie aggravanti per l'operaio cinese 36enne Guelin Fang, tra cui la crudeltà e della minorata difesa della vittima Filomena Cataldi

L'omocidio di Filomena Cataldi, avvenuto a colpi di mortaio all'interno del suo appartamento di via Romagnoli, 2 a San Polo di Torrile sarebbe stato premeditato e sarebbe avvenuto con particolare crudeltà. Sono queste le due ipotesi investigative fatte dai Pm titolari dell'indagine, Lucia Russo e Francesca Arienti per le aggravanti: l'accusa nei confronti dell'operaio cinese 36enne Guelin Fang infatti è omicidio volontario pluriaggravato. L'uomo rischia l'ergastolo. L'udienza di convalida dell'arresto si terrà nella mattina di oggi, sabato 25 agosto, nel carcere di via Burla dove il 36enne è rinchiuso. Davanti al Gip Sara Micucci Fang sarà chiamato a rispondere alle domande. Durante il primo interrogatorio aveva dato risposte ritenuto con coerenti: per questo motivo è stata disposta una perizia psichiatrica che dovrà stabilire le condizioni dell'uomo al momento dell'omicidio e anche la sua compatibiltà con il carcere. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Omicidio di San Polo, si indaga sulla premeditazione: Fang rischia l'ergastolo

ParmaToday è in caricamento