Cronaca

"Cantiere Foreste" nei Parchi del Ducato: nuovi interventi di miglioramento in Alta Val Parma

Tre gli interventi previsti, di cui due nelle foreste demaniali dell’Alta Val Parma (Comune di Corniglio) e uno nel territorio dei Parchi del Taro e dei Boschi di Carrega

Sono iniziati i lavori di miglioramento forestale nei Parchi dell’Emilia Occidentale grazie ai finanziamenti del Piano Regionale di Sviluppo Rurale (PSR), programma finanziario della Regione dedicato alla riqualificazione del patrimonio agricolo e forestale dell’Emilia Romagna. Tre gli interventi previsti, di cui due nelle foreste demaniali dell’Alta Val Parma (Comune di Corniglio) e uno nel territorio dei Parchi del Taro e dei Boschi di Carrega.

Tutte le azioni prevedono la pulizia del bosco, il taglio di alberi secchi e il ripristino della viabilità forestale, con l’obiettivo prioritario della prevenzione incendi, ma non solo. “Le attività del PSR sono anche finalizzate al risanamento del bosco e a valorizzare l’escursionismo e la fruizione piu’ in generale” dichiara il Presidente dell’Ente di Gestione, Agostino Maggiali  e aggiunge “sono numerosissimi i turisti e i residenti che visitano i Parchi, e noi dobbiamo garantire sicurezza e accessibilità dei percorsi”.

Per i Parchi è inoltre fondamentale perseguire la conservazione della biodiversità, anche con azioni mirate alla tutela specifica del bosco, come nel caso delle foreste di abete dell’Alta Val Parma, soggette negli ultimi anni all’attacco di un parassita (bostrico tipografo).  Altra finalità è favorire lo sviluppo di boschi misti con specie locali, piu’ resistenti e importanti per la bellezza del paesaggio e per la protezione della fauna.

L’entità complessiva dei finanziamenti è di circa trecentociquantamila euro, da utilizzare tutti per i lavori di sistemazione e manutenzione in progetto,  con una ricaduta positiva sull’indotto locale. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Cantiere Foreste" nei Parchi del Ducato: nuovi interventi di miglioramento in Alta Val Parma

ParmaToday è in caricamento