menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Parma, l'appello dell'Anpi per un'altro "genere" di sicurezza

Manifestazione antifascista, antirazzista e antisessista dell'Associazione Nazionale Partigiani d'Italia

L'incertezza del futuro e le molteplici paure che caratterizzano le esistenze rischiano di portare alla chiusura degli spazi urbani, alla costruzione di nuovi muri, a nuove recinzioni. Il senso di insicurezza esistenziale porta donne e uomini a porsi in un atteggiamento di difesa che provoca una pericolosa sensazione di disordine e che offusca la capacità di comprendere in modo critico la realtà presente.

In questo quadro entra in gioco la forte richiesta di sicurezza, intesa esclusivamente come "ordine pubblico”, vissuto come unico antidoto al rischio di incolumità fisica di una parte sola della cittadinanza che vede tutte le minacce del presente incarnate in un'unica figura, quella dell'immigrato clandestino, divenuto il capro espiatorio dei mali dell'Italia grazie a continue campagne mass-mediatiche e ad alcune forze politiche impegnate nell'intercettare queste fragilità sociali ai propri fini, come dimostra la strumentalizzazione del complesso tema della violenza sulle donne.

L'alta visibilità che in quartiere San Leonardo e nel Pablo hanno assunto nello spaccio della droga giovani stranieri di colore non fa che dare nuova linfa a un discorso pubblico che, con toni da caccia alle streghe, si basa sulla capitalizzazione della paura e sulla semplificazione eccessiva del problema.

Dentro al vuoto lasciato dalla mancanza di un'analisi sociale, economica e politica approfondita, trova spazio così la pericolosa strumentalizzazione in chiave razzista che di quel discorso viene continuamente compiuta dalla destra radicale. Sempre più soli, fuori da quei legami di solidarietà che hanno caratterizzato il secolo ormai finito, troppe cittadine e troppi cittadini affrontano la crisi globale senza riuscire spesso a comprenderne le cause, assistendo troppe volte inerti alla disintegrazione della vita collettiva condivisa, mentre l’avidità, la mercificazione, la violazione dei diritti umani e la violenza, organiche al sistema, annullano il valore della differenza, della vita, dell’etica, della comunità, del lavoro, della dignità dei popoli.

È questa la società in cui vogliamo vivere? È davvero in un progetto di città-fortezza che vogliamo credere?
L'Anpi provinciale di Parma, pur sapendo che la povertà e l'esclusione sociale sono problemi molto complessi, crede che sia possibile affrontarli partendo dal progetto di una città solidale e aperta nelle cui strade e piazze, luoghi partecipati e laboratori di idee, sia possibile declinare il termine sicurezza come "sicurezza dei diritti", come libertà dal bisogno, dalla povertà e dal degrado, dalla disuguaglianza e dai soprusi, dalla ghettizzazione e dall'emarginazione.

Una città che non diventi una "discarica dei problemi prodotti a livello globale", ma che sia, invece, il luogo in cui inventare e imparare modi nuovi per convivere con la differenza intesa come valore e ricchezza, il luogo nel quale confrontarsi sui rapporti tra i generi, nel quale finalmente anche la sicurezza delle donne passi attraverso una nuova cultura del rispetto, patrimonio di tutte e di tutti. Per iniziare questo confronto, l' Anpi provinciale di Parma invita cittadini, associazioni, organizzazioni sindacali, partiti e movimenti a camminare insieme sabato 11 novembre 2017. Si partirà dal quartiere San Leonardo (civico 47 ex sede della circoscrizione) e ci si muoverà verso piazza Garibaldi dove chi lo desidera potrà gestire un proprio punto informativo. Le adesioni vanno comunicate all’indirizzo segreteria@anpiparma.it indicando cortesemente il nome di un referente e i recapiti ai quali è possibile contattarlo

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Viaggi in Europa: ecco cos'è il passaporto Covid

Attualità

Covid: a Parma quasi 45 mila vaccinazioni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Ponte della Navetta, Alinovi al Ministero: “Aprirlo entro Pasqua”

  • Attualità

    Aree verdi: 250 mila euro per i nuovi giochi bimbi

Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento