Udienza del 25 settembre. Laguardia: "Chiederemo la revoca del Cda Parmalat"

"Noi chiederemo anche l'annullamento dell'operazione Lag, alla luce delle conclusioni a cui è pervenuto il professor Manaresi nella sua relazione". Il costo dell'operazione è stato ritenuto dalla Procura superiore al prezzo di mercato

"Probabilmente insisteremo nel chiedere la revoca del Cda Parmalat". Così il capo della Procura di Parma, Gerardo Laguardia, rispondendo alle domande dei cronisti circa l'udienza del prossimo 25 settembre che ha come oggetto il procedimento avviato da azionisti di minoranza della società di Collecchio su presunte irregolarità da parte degli amministratori dell'azienda riguardo l'acquisto delle società Lactalis del comparto americano.

"Noi - ha continuato Laguardia - chiederemo anche l'annullamento dell'operazione, alla luce delle conclusioni a cui è pervenuto il professor Manaresi nella sua relazione". Una relazione che il procuratore ha definito "confermativa delle ipotesi da noi prospettate". Il procedimento avviato ai sensi dell'articolo 2.409 del Codice civile è partito più di un anno fa su segnalazione di azionisti di minoranza del gruppo Parmalat alla Procura.

Nel mirino della partecipazione di minoranza c'era l'acquisto di Lag, società appartenenti al gruppo francese Lactalis dislocate in nord e centro America, per un prezzo di 904 milioni di dollari. Il costo dell'operazione è stato ritenuto sia dalla Procura sia dal commissario ad acta nominato dal tribunale civile di Parma superiore al valore di mercato delle stesse aziende.

Nei mesi scorsi il commissario Angelo Manaresi è riuscito ad ottenere il rientro di 134 milioni di dollari nelle casse Parmalat grazie all'applicazione di uno sconto che ha previsto nelle clausole di cessione di Lag ma mai di fatto applicato. Stando a quanto appreso, l'udienza del 25 di fronte al tribunale di Parma potrebbe portare alla nomina di un amministratore giudiziario e alla revoca del Cda aziendale. In seconda battuta all'impugnazione del contratto di cessione e ad un suo possibile annullamento.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • I ristoratori si ribellano: "Il 15 gennaio apriremo nonostante i divieti"

  • Le regole dopo il 15 gennaio: ecco quando si potrà andare a trovare parenti e amici

  • Via al decreto gennaio, restrizioni fino a marzo: vietato uscire dalla regione, solo in due dagli amici

  • Parma scongiura la zona rossa

  • Dal 16 gennaio Parma rischia la zona rossa

  • Le contraddizioni del decreto: zona arancione con più limitazioni della zona rossa

Torna su
ParmaToday è in caricamento