menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Valera, sottopasso tangenziale

Valera, sottopasso tangenziale

Valera: la ciclabile che non esiste. I residenti: "Una presa in giro"

Le lamentele di alcuni residenti a causa della totale assenza di pista ciclabile, se non in tratti in corrispondenza della rotonda e della tangenziale. "Che cosa ce ne facciamo se per arrrivarci rischiamo di essere investiti o di cadere nel fosso?"

"Quale pista ciclabile?", risponde così un residente alla domanda sul percorso ciclabile che dovrebbe collegare Parma con Valera. Percorrendo Strada Valera di Sopra proveniendo da Parma, come dimostrato dalle immagini, è evidente la totale assenza di parti destinate al passaggio ciclabile, con pericoli nel transito a causa di corsie strette e dell'assenza di protezioni dal fosso che costeggia la carreggiata. All'altezza della rotonda tra Strada Valera di Sopra e via Pini inizia "dal nulla" un tratto di pista ciclabile per il superamento della stessa per concludersi all'altezza del cimitero di Valera.

Un moncone di pista isolato, mal tenuto, per metà invaso dall'erba e con crepe nell'asfalto. Superato il cimitero, dall'altro lato della carreggiata un'altra breve pista ciclabile priva di collegamenti, per raggiungerla è necessario attraversare la strada in un tratto particolarmente pericoloso privo di strisce pedonali e di specchi, per poi giungere al sottopasso della tangenziale, e ritrovarsi pochi metri dopo nuovamente nella carreggiata senza protezione dal passaggio dei veicoli. Due monconi di pista separati, creati come compensazione ai lavori per la realizzazione della rotonda tra via Pini e strada Valera di Sopra e della tangenziale, che a detta di alcuni residenti, sono inutili.

"Per arrivarci devo percorrere la strada a fianco alle auto - racconta un abitante - arrivo sino all'imbocco e poi faccio cento metri e la pista è già finita. Stessa cosa per il sottopasso della tangenziale. Quel poco di pista che c'è è tenuto male, c'è di tutto, lanciano di tutto dal finestrino ed è una vergogna anche passarci a piedi". Come se non bastasse, oltre alla totale assenza di collegamenti per raggiungere i due tratti di pista ciclabile presenti, all'imbocco del tratto che costeggia la rotonda di strada Valera di Sopra c'è una discarica a cielo aperto, dove non si contano i rifiuti, tra cui lo schermo di un televisore, parti elettriche di un apparecchio, materiale edile, pezzi di divano, plastica, una cassa di bottiglie di alcolici, indumenti, pacchi di pasta e quant'altro.

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Parma usa la nostra Partner App gratuita !

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Vaccino dai 60 ai 64 anni: a Parma 7.400 prenotazioni

Attualità

L'11 Maggio passa il Giro

Ultime di Oggi
  • Sport

    Troppa Atalanta, il Parma si arrende: manita di Gasp, altro schiaffo

  • Cronaca

    Coronavirus, a Parma 86 casi e un decesso

  • Cronaca

    Parma, sì ad altre riaperture. E da metà maggio coprifuoco posticipato

Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Eventi

    "Interno Verde": alla ricerca dei giardini segreti di Parma

  • Attualità

    Un nuovo pulmino per la Pubblica in nome di Tommy

Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento