menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Ponte Nord, la cattedrale nel deserto si illumina per una cena di gala

Aperta dopo quattro anni l'opera inutilizzata più contestata degli ultimi anni. Pizzarotti: "I professionisti del no a tutto lo vorrebbero eternamente nel degrado come "monumento allo spreco", per poi puntare il dito e dire che è un’opera inutile e inutilizzata"

Giorgia Palmas, Ezio Greggio e Vittorio Brumotti. Oltre al sindaco Federico Pizzarotti, l'elitè dell'Unione Industriali di Parma e altri vip. E' stata una cena di gala a scopo benefico organizzata dall'associazione 'Parma io ci sto!', inserita all'interno del programma della rassegna 'Verdi Off', il primo evento che si è svolto all'interno del Ponte Nord, cattedrale nel deserto, simbolo - per tutta Italia - dello spreco e dell'abbandono portati avanti dalla politica. Un'opera inutilizzabile, costata 25 milioni di euro, che il Comune di Parma non ha ancora destinato a nessuna attività, visto che la Legge Galassi impedisce di costruire strutture in presenza di un torrente. E il ponte Nord è costruito proprio lì. Uno spreco che, negli ultimi anni, ha fatto indignare numerosi cittadini. La cena, 85 euro il costo per la degustazione del menu dedicato a Giuseppe Verdi, prevedeva la partecipazione di circa 200 persone. All'ingresso alcuni poliziotti e gli uomini della Digos sorvegliavano la situazione: era stato infatti lanciato un evento di contestazione della serata. 

Il sindaco Pizzarotti, presente all'appuntamento ha scritto: "Il Ponte Nord è un’opera voluta dalla giunta dei disastri, una grande infrastruttura cui Parma avrebbe fatto volentieri a meno. Non lo abbiamo mai voluto, ma c’è e dobbiamo conviverci. I professionisti del no a tutto lo vorrebbero eternamente nel degrado come "monumento allo spreco", per poi puntare il dito e dire che è un’opera inutile e inutilizzata. Io la penso diversamente: intendo trovare un’utilità a un’opera che nessuno ha voluto, così da strapparla a un degrado certo. Cosa facciamo dunque? Lo apriamo per una cena benefica nell’ambito di Verdi Off Diamo colore a ciò che non ne ha. Diamo vita a ciò che sembra morto. Parma ha bisogno di credere che le cose possono cambiare, che si può sempre trovare uno sbocco positivo a tutto. Di certo non ha bisogno di chi la vorrebbe brutta e sporca, per poi sostenere che è brutta e sporca"

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Al Family Food Fight trionfa Parma con i Dall'Argine

Attualità

Covid: a Parma oltre 124 mila vaccinazioni

Attualità

Crolla il controsoffitto: Duc allagato

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento