Regali e favori per ottenere informazioni sulle indagini: finanziere e commercialista a giudizio per corruzione

Dagli abbonamenti in palestra agli sconti per le pratiche notarili, dalla gomme nuove alle riparazioni gratis dal meccanico: rinviato a giudizio un 52enne e un 36enne

In cambio di regali, agevolazioni e sconti per alcune pratiche notarili un finanziere di 36 anni, le cui iniziali sono P.Z. che era in forze al Nucleo di Polizia Tributaria della Guardia di Finanza di Parma, avrebbe passato informazioni riservate ad un commercialista parmigiano di 52 anni, le cui iniziali sono G.C., in merito alle indagini su di lui. E' con questa accusa che il commercialista ed il finanziere sono stati rinviati a giudizio con l'accusa di corruzione dal Gup Mattia Fiorentini, su richiesta del Pubblico Ministero Paola Dal Monte.

Oltre all'accusa di corruzione nei confronti del finanziere anche quella di falsità materiale e ideologica e truffa. Tra il 2015 ed il 2016 il commercialista era sotto inchiesta nell'ambito delle indagini sulle frodi dei fratelli Zinno e dell'imprenditore Sabbatino. Secondo la ricostruzione dell'accusa - ma starà ai giudici verificare i rapporti tra i due - il commercialista avrebbe contattato il finanziere per avere informazioni sulle indagini, che erano in corso su di lui. In cambio delle informazioni il commercilista 52enne avrebbe fatto alcuni favori al finanziere.

Dagli abbonamenti in palestra regalati - dal valore di oltre 1.500 euro - allo sconto di circa 1.000 euro per alcune pratiche notarili, fino ad un treno di gomme nuove per l'auto ed a riparazioni dal meccanico ad un prezzo super scontato. Tutti questi favori sarebbero stati fatti dal commercialista a favore dell'esponente delle Fiamme Gialle, poi trasferito da Parma in un'altra città. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Rapina una donna in piazzale Pablo: 19enne gambiano lo insegue e lo fa arrestare

  • Coltellate sul Frecciarossa, sotto choc il parmigiano che ha difeso la donna: " Usata una cinta per fermare l'emorragia"

  • C'è un'altra Parma sotto terra

  • "L'ho sentita urlare e sono intervenuto. Così ho fermato lo scippatore"

  • Truffa del Postamat, la maxi indagine riguarda anche Parma

  • Chiamavano i clienti per offrirgli la droga: arrestati tre pusher

Torna su
ParmaToday è in caricamento