Riciclano merce rubata: due arresti. Perquisizioni anche a Parma

Due arresti e tre denunce: questo il bilancio di un'operazione di polizia congiunta che ha coinvolto Emilia, Liguria e Lombardia. Il valore della merce, tra cui numerosi bancali di polimeri, ammonta a circa 500mila euro

Polizia al casello

L'inchiesta, molto complessa, ha avuto una svolta nella notte tra il 9 e 10 novembre quando la Polizia Stradale di Reggio Emilia e la Polizia di frontiera marittima di La Spezia hanno eseguito una serie di perquisizioni nelle provincie di Brescia, Bologna, Reggio Emilia e Parma. Prima di arrivare alle perquisizioni, però, la Polstrada aveva iniziato a seguire all'alba del 9 novembre, un autoarticolato, carico di polimeri plastici (20 bancali risultati trafugati), fino al momento in cui il carico stava per essere consegna ad un imprenditore bolognese in un capannone della provincia di Bologna.

Lì sono stati rinvenuti nel cortile altri 53 bancali di blocchi di polimeri di plastica, sempre riferibili allo stesso furto. Qui sono scattate le prime tre denunce. Nel frattempo altri investigatori della Polizia Stradale reggiana, pedinavano, insieme ai colleghi della Polizia di frontiera marittima spezzina, da cui sono partite le prime indagini, un altro veicolo diretto verso la provincia di Brescia. Qui gli agenti, coadiuvati dai colleghi della Questura di Brescia, hanno fermato l'autoarticolato all'interno del cortile di un magazzino pronto a ricevere il carico, risultato essere rubato.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Dopo le perquisizioni sono stati sequestrati quasi 150 bancali di plastica riconducibili allo stesso carico consegnato a Bologna, ma anche un centinaio di condizionatori, arredi ed accessori uffici, attrezzi per giardinaggio, utensileria meccanica e altro: tutto materiale risultato rubato. "Il materiale plastico sequestrato era stato rubato a una importante multinazionale Italiana del settore chimico", afferma una nota della Polstrada reggiana, "e grazie alla denuncia di quest'ultima, gli investigatori di Reggio Emilia e di La Spezia sono stati in grado di scoprire il traffico di merce rubata che era partito diretto alle provincie di Brescia e Bologna". Al termine delle operazioni, a Brescia sono stati arrestati il calabrese S.L. residente a Reggio Emilia) e il bresciano N.A.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo decreto: ecco tutte le regole in vigore a Parma da domani

  • Pauroso frontale a Castione Baratti: muore una 22enne di Lesignano

  • Nuovo Dpcm in arrivo: cosa cambia a Parma e provincia

  • Covid, in arrivo un nuovo Dpcm: limitazioni su orari e spostamenti

  • Coronavirus: verso un lockdown 'morbido' e la chiusura alle 21

  • Marito e moglie positivi al Covid escono di casa per aiutare l'amico fermato senza patente: denunciati

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ParmaToday è in caricamento