Sciopero generale: domani la Cgil in piazza contro la riforma del lavoro

Il corteo cittadino partirà alle 9 da Piazzale Santa Croce e si snoderà per le vie del centro fino a piazza Garibaldi, passando dalla sede dell'Upi: astensione dal lavoro in tutti i settori pubblici e privati

Giornata di mobilitazione domani, venerdì 20 aprile, per tutte le categorie della CGIL nella provincia di Parma contro la riforma del mercato del lavoro e i provvedimenti sulle liberalizzazioni del commercio, per rivendicare crescita, sviluppo e lavoro. Anche il nostro territorio sarà infatti interessato per l’intera giornata dallo sciopero generale di tutti i settori pubblici e privati che rientra nel primo pacchetto provinciale di 8 ore delle 16 complessive indette dalla CGIL nazionale.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il concentramento del corteo è alle 9 in Piazzale Santa Croce, da qui partirà la manifestazione che si snoderà per il centro cittadino, passando davanti alla sede dell’Unione Parmense Industriali in strada al Ponte Caprazucca e fino a piazza Garibaldi, dove, dopo gli interventi di Patrizia Maestri, segretaria generale Cgil Parma e di alcuni delegati di aziende del territorio, si svolgerà il comizio conclusivo di Cesare Melloni, della segreteria regionale CGIL Emilia-Romagna.

Il sindacato contesta le scelte del governo Monti in materia di pensioni e aumento dell’imposizione fiscale sul lavoro e chiede di spostare il peso fiscale dai redditi da lavoro/pensione ai grandi patrimoni; rilanciare gli investimenti e l’innovazione; lottare in modo più incisivo contro la corruzione e l’illegalità. "I contenuti del Disegno di Legge definito ”Riforma del lavoro in una prospettiva di crescita” -si legge in una nota- parlano sicuramente di riforma ma non di crescita. Sul tema della precarietà, sono stati fatti molti annunci ma le proposte del Ddl sono assolutamente insufficienti a dare garanzie soprattutto ai giovani".

"Sul tema degli ammortizzatori -prosegue la Cgil-non c’è risposta ai lavoratori discontinui e alle migliaia di persone che a causa delle nuove norme, e dopo la riforma delle pensioni, rischiano di trovarsi senza lavoro, senza reddito e senza pensione. Sull’articolo 18 le iniziative dei lavoratori e delle lavoratrici e della CGIL contro i contenuti della prima proposta di riforma del Mercato del Lavoro hanno portato ad un primo risultato importante ma non ancora sufficiente: la riconquista dello strumento del “reintegro” anche nel caso di licenziamenti economici ingiustificati".

 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, un nuovo Decreto tra domenica e lunedì: chiusura alle 22 e lockdown nel week end

  • Coronavirus: chiusure generalizzate e coprifuoco alle 22

  • Covid: da lunedì 19 ottobre a Parma al via i test gratuiti nelle farmacie

  • Smart working allargato, coprifuoco dalle 22 e chiusura palestre: come potrebbero cambiare le regole anche a Parma

  • Parma, quattro giocatori positivi al coronavirus

  • Allerta terapie intensive: a Parma rischio alto

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ParmaToday è in caricamento