menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Venerdì di sciopero: il 10 novembre treni e mezzi pubblici fermi per 24 ore

Ecco tutti gli orari e le modalità dell'astensione dal lavoro a Parma

Venerdì di caos per lo sciopero nazionale dei trasporti pubblici: per 24 ore potrebbero esserci ritardi o problemi nella circolazione di treni, aerei e mezzi pubblici. Gli orari e le modalità dello sciopero saranno diversi a seconda delle città e delle aziende (pubbliche e private) coinvolte. La protesta è stata indetta per 24 ore da una serie di sigle tra cui l'Unione sindacale di base, Cib-Unicobas, Cobas, Usi, Orsa, e coinvolgerà tutti i settori lavorativi a livello nazionale, sia pubblici sia privati. 

I motivi dello sciopero? La volontà di "denunciare l'attacco indiscriminato che si sta attuando sul mondo del lavoro - contro Jobs Act - contro la precarizzazione dei contratti - contro le politiche di privatizzazione delle aziende pubbliche (sanità, trasporti, scuole ecc) e contro tutte le politiche che stanno limitando fortemente il diritto di sciopero" si legge nella nota diffusa dal sindacato.

Per venerdì 10 novembre sono attesi disagi per gli utenti del trasporto pubblico urbano, ma anche per chi dovrà viaggiare in treno o in aereo. Anche il personale delle scuole incrocerà la braccia: hanno aderito allo sciopero docenti, dirigenti e personale Ata di ogni ordine e grado in Italia e all’estero delle sigle Cobas-Confederazione dei comitati di base, Usb e Cib-Unicobas. 

L'ORARIO DEI TRENI

I treni a lunga percorrenza subiranno cancellazioni fin dalle 21 di giovedì 9 novembre e dureranno fino alle 20.59 del 10 novembre;
I treni regionali saranno a rischio dalle 21 del 9 novembre e fino alle 17.59 del 10 novembre;
I treni garantiti programmati da Italo; 
I treni Trenord saranno garantiti nelle fasce più frequentate dai pendolari, tra le 6 e le 9 e tra le 18 e le 21.

COMUNE DI PARMA - È pervenuta nota, con la quale si comunica che USB Pubblico Impiego, Confederazione USB-CIB Unicobas e COBAS-Confederazione dei Comitati di Base proclamano lo sciopero generale di tutti i settori pubblici e privati per l’intera giornata del 10 Novembre 2017 Nell’occasione verranno comunque garantiti i servizi minimi essenziali: Servizi Demografici – Stato Civile: denunce nascite e decessi; Polizia Municipale: pronto intervento per incidenti e situazioni di emergenza, Centrale Operativa; Scuole Comunali dell’Infanzia e Asili Nido: ogni plesso ha provveduto a comunicare ai genitori che in tale giornata a causa dello sciopero potrebbe non essere garantito il regolare funzionamento del servizio; Servizi Sociali: l’Assistenza Domiciliare agli Anziani sarà garantita dalle Cooperative e rimarranno attivi il Centro Ascolto Caritas per quanto riguarda l’Area Adulti e Immigrazione e il pronto intervento a tutela dei minori per quanto riguarda l’Area Minori; Servizio Politiche per i Disabili: è stata inviata comunicazione ai dirigenti scolastici che non sarà garantita la presenza del personale socio-educativo-assistenziale in servizio. Si potrebbero creare disservizi, nei diversi settori del Comune compreso il Servizio sportello e relazioni con il cittadino al Duc 

TEP - In data 27/10/17 è pervenuta a TEP S.p.A. la comunicazione da parte di USB-Unione sindacale di Base-Lavoro Privato, circa le modalità di effettuazione dello sciopero generale nazionale di 24 ore proclamato per la giornata di venerdì 10 novembre 2017, contro le politiche economiche e sociali del Governo italiano e dell’Unione Europea. Per affermare il diritto al salario, alla pensione, per il rilancio dell’occupazione, per la cancellazione della L.107 nella scuola, per la difesa della sanità pubblica, contro le privatizzazioni e per la democrazia sindacale. In ottemperanza alle norme vigenti si provvede a segnalare all’utenza le modalità dello sciopero comunicateci. Lo sciopero, proclamato tenendo conto del rispetto delle fasce di servizio garantite ex Lege 146/90 sulla tutela dei diritti della persona costituzionalmente assicurati, come integrata dalla L. 83/00, è previsto  per la giornata di venerdì 10 novembre 2017, pertanto le autolinee in esercizio all’Azienda potrebbero avere soppressione di corse, nell’arco dell’intera giornata, con esclusione delle fasce di servizio garantite.

Secondo gli obblighi di garantire comunque i servizi essenziali, verranno assicurati i seguenti servizi: servizio urbano – PRONTOBUS URBANO – HAPPY BUS Al mattino: tutte le corse in partenza dai capolinea dalle ore 5.30 alle ore 8.30; A mezzogiorno: tutte le corse in partenza dai capolinea dalle ore 12.10 alle ore 14.40; Le corse per le quali è prevista la partenza devono essere completate fino ai capolinea; sono peraltro effettuate le sole corse in partenza dai capolinea entro gli orari di termine delle fasce qualora le corse stesse, secondo gli orari pubblicati, completino il loro percorso entro le ore 9.15 e 15.25 rispettivamente per la fascia mattutina e per quella meridiana; l'ultima delle corse garantite nella fascia è comunque limitata al capolinea urbano opposto.

servizio EXTRAurbano – PRONTOBUS EXTRAURBANO Al mattino: tutte le corse in partenza dai capolinea dalle ore 5.30 alle ore 8.45;

A mezzogiorno: tutte le corse in partenza dai capolinea dalle ore 12.10 alle ore 14.55;

Le corse per le quali è prevista la partenza devono essere completate fino ai capolinea; sono peraltro effettuate le sole corse in partenza dai capolinea entro gli orari di termine delle fasce qualora le corse stesse, secondo gli orari pubblicati, completino il loro percorso entro le ore 9.15 e 15.25 rispettivamente per la fascia mattutina e per quella meridiana. In eccezione al criterio ora indicato, vengono effettuate le corse che, pur non completando il loro percorso entro gli orari precisati sopra hanno un percorso superiore ai 50 km., essendo partite dal capolinea almeno un'ora prima della fine di ciascuna fascia e precisamente entro le ore 7.45 ovvero le ore 13.55.

SERVIZI AUSILIARI Presidi di movimento: apertura completa e continuativa. Portinerie e centralini: apertura completa e continuativa. Addetti di movimento e agenti verificatori: impiego del personale negli orari di funzionamento dei servizi. Uffici: apertura per sole prestazioni impellenti non rinviabili, previa comunicazione alla OO.SS.. Officine: copertura dei soli turni indispensabili a garantire i servizi di movimento. Eventuali chiarimenti sugli orari dei servizi di cui sopra possono essere richiesti alle biglietterie ed al n. 840 22 22 22. Di tanto si dà notizia per ogni opportuna informazione.

AUSL PARMA - Le Direzioni Generali di Azienda USL e Azienda Ospedaliero-Universitaria di Parma informano i cittadini che, in occasione dello sciopero indetto da CIB-UNICOBAS, COBAS, USI e Unione Sindacale di Base, nella giornata del 10 novembre si potrebbero verificare disagi nella consueta attività. Saranno, comunque, garantiti i servizi sanitari urgenti.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Crolla il controsoffitto: Duc allagato

Attualità

Scuola Bottego, piano allagato: gli alunni tornano a casa

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento