Ruba 2 estintori a scuola e 'imbianca' i presenti. Patteggia 2 mesi

L'episodio è avvenuto all'interno della scuola di Carignano. Il 19enne è stato processato e si è avvalso del patteggiamento. I Maestri Autoconvocati: "Perchè l'Avvocatura di stato non si è costituita parte civile nel processo?"

Un 19enne parmigiano ha patteggiato 2 mesi e 20 giorni di carcere perchè nottetempo, il 10 gennaio del 2012, aveva rubato due estintori all'interno della scuola elementare di Carignano che fa parte dell'Istituto Comprensivo "Verdi" di Corcagnano, poi stando alle denunce avrebbe usato gli stessi per "imbiancare" alcuni malcapitati nel parcheggio di un supermercato, i quali sono finiti addirittura all'ospedale.

"Oggi nel corso del processo -si legge in una nota dei Maestri Autoconvocati-ha scelto di patteggiare, purtroppo come capita spesso nei procedimenti penali in cui l'amministrazione scolastica è parte lesa, l'Avvocatura dello Stato, a questo preposta, non si costituisce a rappresentarne gli interessi. Lo abbiamo visto, già di recente, quando sono state giudicate persone accusate di rilasciare illegalmente titoli di studio e quando un uomo ha tentato di farsi assumere come insegnante sulla base di false dichiarazioni.

"La stessa Avvocatura dello Stato di Bologna -sontinuano i Maestri- è invece puntualmente presente in qualsiasi procedimento che riguardi faccende scolastiche, quando si tratta di andare contro a qualche dipendente che si rivolge al giudice amministrativo a quello del lavoro per far correggere qualche atto viziato, in quel caso gli avvocati dello stato sono così zelanti da portare le questioni fino alla Corte di Cassazione.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Due pesi e due misure: contro quelli compiono reati non si agisce mai e contro le persone semplici che chiedono la correzione di qualche errore lo si fa sempre. Dichiara Salvatore Pizzo, portavoce dei Maestri Autoconvocati: "Il solito ruggito del leone contro chi oneste persone che lavorano, auspichiamo che quei sindacalisti che dicono di essere attivi sul territorio pongano la questione di questa avvocatura a doppio binario".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il Covid torna ad uccidere: muore una donna

  • Aereo precipita a Cremona: muore il pilota 54enne di Fontevivo

  • I Nas di Parma fanno chiudere un bar con il 100% dei lavoratori in nero

  • Il Covid uccide per il secondo giorno consecutivo, muore un uomo: otto casi in più

  • Welcome, Mister President: al via l’era Krause

  • Coronavirus, a Parma altro balzo: 14 nuovi casi

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ParmaToday è in caricamento