Negozi aperti 25 aprile e 1° maggio? I sindacati: "Sciopero"

Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uiltucs Uil dichiarano l'astensione dal lavoro per le due giornate di festa: molte catene distributive non chiuderanno, grazie alle liberalizzazioni del Governo Monti

Negozi aperti

Domani, 25 aprile Festa della Liberazione e martedì 1° maggio, Festa dei Lavoratori molte catene della grande distribuzione saranno aperte, anche a Parma. I lavoratori non potranno astenersi dal lavoro per partecipare alle celebrazioni. Per rimediare alla situazione e garantire il rispetto dei diritti a Parma quest'anno i sindacati hanno dichiarato sciopero per entrambe le giornate. Una novità, conseguenza della liberalizzazione degli orari dei negozi promossa dal Governo Monti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uiltucs Uil dichiarano sciopero per le giornate del 25 Aprile e 1° Maggio, "per ribadire -si legge in una nota-che le festività nazionali vanno rispettate e dare copertura a tutti quei lavoratori che vorranno rifiutarsi di andare al lavoro in quelle date. Numerose catene distributive hanno infatti comunicato la decisione di aprire in occasione delle festività: la liberalizzazione attuata dal governo Monti purtroppo lo permette, poiché prevede la possibilità di apertura per 365 giorni all'anno ed abolisce qualunque competenza degli enti locali in materia. Il commercio non è un servizio pubblico indispensabile paragonabile ad un ospedale. Il 25 Aprile e il 1° Maggio hanno un valore storico, umano e di grande contenuto culturale".

"Non ci sono ragioni economiche così forti e dominanti -prosegue la nota dei sindacati- per sacrificare queste feste e aprire i negozi come tutti gli altri giorni. C'è invece un alto costo sociale perché si limitano i pochi spazi dedicati al tempo libero e alla socialità e si invita solo al consumo in ogni luogo, in ogni ora e giorno dell'anno. Anche il nostro territorio sta vivendo una fase di durissima recessione e i consumi continuano a diminuire visto che il reddito disponibile è sempre minore. 

"Le aziende stanno cercando di gestire le aperture “sottocosto”, spremendo il personale sia sugli orari di lavoro che sulle retribuzioni. Le lavoratrici e i lavoratori hanno visto peggiorare le loro condizioni di vita per le aperture domenicali continue, con tutte le difficoltà che comporta conciliare la propria vita familiare con le domeniche lavorative e con orari superflessibili, diversi ogni giorno. Invitiamo i cittadini e i lavoratori a partecipare alle iniziative e alle manifestazioni organizzate per celebrare la Festa della Liberazione e la Festa dei Lavoratori e dimenticare per un giorno di entrare nei negozi".





 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo decreto: ecco tutte le regole in vigore a Parma da domani

  • Pauroso frontale a Castione Baratti: muore una 22enne di Lesignano

  • Nuovo Dpcm in arrivo: cosa cambia a Parma e provincia

  • Coronavirus: verso un lockdown 'morbido' e la chiusura alle 21

  • Marito e moglie positivi al Covid escono di casa per aiutare l'amico fermato senza patente: denunciati

  • Da Piazza della Pace a Piazza Garibaldi: anche Parma protesta

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ParmaToday è in caricamento