Tragedia sfiorata a Solignano: 18enne e bimbo di 8 anni salvati dall'intossicazione

Gli operatori sanitari hanno trovato i due privi di sensi, distesi a terra all'interno dell'appartamento pieno di fumo: in ospedale anche l'altro figlio di 4 anni e i genitori

Poteva essere una tragedia ma i soccorritori hanno agito velocemente e sono riusciti a portare in salvo due persone, un 18enne e un bimbo di soli 8 anni. E' successo nel Comune di Solignano. La famiglia è rimasta vittima di un'intossicazione. Quando gli operatori sono arrivati il giovane 18enne e il bambino di 8 anni avevano perso conoscenza: si trovavano all'interno dell'appartamento. I genitori, in quel momento, stavano accompagnando il figlio più piccolo, di 4 anni, alla Pubblica Assistenza: anche lui è finito in ospedale, insieme ai genitori. 

Momenti di paura nel tardo pomeriggio di venerdì 10 marzo in un condominio in centro a Solignano, vicino al Comune e alla stazione ferroviaria. Erano circa le 19 quando i genitori hanno deciso di accompagnare il figlio di 4 anni, il più piccolo, alla Croce Verde di Solignano, poichè il bimbo avvertiva dolori allo stomaco a mal di testa: dopo la visita di un medico è stato trasportato a Fornovo Taro e poi al Pronto Soccorso dell'Ospedale Maggiore di Parma. I sintomi erano quelli di un'intossicazione.  I DUE ERANO DISTESI A TERRA

Potrebbe interessarti

  • Come smettere di fumare: trucchi e consigli

  • Come combattere il caldo durante il viaggio in auto

  • Sabbia in casa: trucchi e consigli per liberarsene

  • Quando gli odori risvegliano i ricordi

I più letti della settimana

  • Picco di caldo a Parma: ecco come saranno le temperature per Ferragosto

  • Rischia di annegare al mare a Marina di Massa: 38enne di Fontanellato gravissima

  • Atleta cade in un burrone durante una gara di trial: 48enne muore al Maggiore di Parma

  • Scossa di terremoto 3.9 con epicentro a Borgotaro

  • Abusi sessuali nei confronti di un bambino di 11 anni: arrestato 37enne

  • Ricatto a luci rosse: "Paga 2 mila euro o diffondiamo le immagini dei video porno che hai guardato"

Torna su
ParmaToday è in caricamento