"Solomon era totalmente incapace di intendere"

E' stata depositata la perizia degli specialisti nominati dal Gup Alessandro Conti che parla di un disturbo schizofrenico: non era capace di intendere quando l'11 luglio del 2017 massacrò la madre Patience e la sorella Magdalene

Solomon era totalmente incapace di intendere e volere quando, l'11 luglio del 2017, massacrò a coltellate la madre Patience e la sorellina Magdalene, di 11 anni, all'interno dell'appartamento in cui viveva in via San Leonardo. E' questa la conclusione dei professionisti incaricati dal Gup Alessandro Conti per l'effettuazione di una perizia super partes, dopo quella dello psichiatra Renato Ariatti, che era arrivato alla stessa conclusione. In questo caso gli psichiatri Paolo Abbate a Mario Massimo Mantero, hanno scritto che il giovane, al momento del massacro, era incapace di intendere e volere e che è socialmente pericoloso: in particolare si parla di un disturbo schizofrenico legato alle ossessioni e ai deliri che Solomon stesso aveva raccontato ai giudici. Solomon dovrà passare diversi anni all'interno di una Rems, probabilmente rimarrà in quella di Mezzani, dove si trova attualmente. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Violenta una bimba di 8 anni nel suo negozio: arrestato commerciante 37enne

  • Terrore in A1, auto si schianta e si incendia vicino al treno deragliato: muore una 21enne parmense

  • Bimba di sei anni muore per meningite

  • Schianto mortale in A1: arrestato il pirata della strada che ha travolto l'auto dei quattro giovani

  • "Addio Alessia, che tu ora possa trovare la serenità"

  • Sbarca a Parma la truffa del finto incidente: "Un giovane si butta sotto l'auto, simulando di essere investito"

Torna su
ParmaToday è in caricamento