In casa 45 ovuli dei corrieri della cocaina: 5 dominicani in manette

I 500 grammi di cocaina rinvenuti nell'abitazione sono di qualità medio alta e sul mercato avrebbero fruttato 100 mila euro. Gli arrestati, tra cui 2 donne, erano il tramite con gli spacciatori di strada

Erano nel mirino degli agenti della Sezione Antidroga da giorni i 5 cittadini domenicani finiti in manette lo scorso 22 marzo per detenzione a fini di spaccio di sostanze stupefacenti. I 5 domenicani erano soliti frequentare viale Piacenza, che si riconferma una delle più fiorenti zone di spaccio della città. Da una perlustrazione nell'abitazione condivisa dai dominicani a pochi passi da viale Piacenza sono stati trovati 45 ovuli di cocaina di 10 grammi l'uno, per un totale di circa 500 grammi nascosti in una stanza dove erano presenti gli effetti personali degli abitanti della casa e un catino. Gli ovuli sono arrivati al gruppo di spacciatori tramite i corrieri ovulatori, con modalità note da tempo dalle forze dell'Ordine, attraverso l'ingerimento della droga sigillata e confezionata con successiva espulsione nel luogo di destinazione. Questo spiega la presenza di un catino utilizzato per poi prelevare gli stupefacenti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nessuna prova concreta che uno dei 5 sia stato il materiale trasportatore della droga in assenza di sostanze rinvenute nel corpo a seguito dei controlli, ma la droga presente nell'abitazione che i 5 condividevano dormendo nella stessa stanza, prova la presenza di una catena di spaccio ben avviata. I cittadini domenicani finiti in manette, tra cui due donne, sono U.A.J., 46enne residente a Parma, D.M.E., 40enne residente a Madrid, P.R., 34enne residente a Madrid, G.J., 28enne residente a Parma, G.A., 22enne domiciliata a Parma. L'ipotesi al vaglio degli inquirenti è che i cinque fungessero da tramite per l'arrivo della droga, il suo taglio e la divisione in dosi da fornire poi agli spacciatori da strada. I 500 grammi di cocaina rinvenuti nell'abitazione sono di qualità medio alta e sul mercato avrebbero fruttato, considerando anche la suddivisione in dosi allungate con altre sostanze, circa 100 mila euro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, un nuovo Decreto tra domenica e lunedì: chiusura alle 22 e lockdown nel week end

  • Coronavirus: chiusure generalizzate e coprifuoco alle 22

  • Covid: da lunedì 19 ottobre a Parma al via i test gratuiti nelle farmacie

  • A Parma vietate le feste e lo sport amatoriale: mascherina in casa con i non conviventi

  • Smart working allargato, coprifuoco dalle 22 e chiusura palestre: come potrebbero cambiare le regole anche a Parma

  • Parma, quattro giocatori positivi al coronavirus

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ParmaToday è in caricamento