menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Spray al peperoncino per tutte: ecco cosa pensano le parmigiane

Abbiamo chiesto alle donne di Parma cosa ne pensano della proposta del consigliere regionale della Lega Nord. La maggioranza non vede lo spray la soluzione contro la violenza e le aggressioni.

Dopo le dichiarazioni del consigliere regionale della Lega Nord, Fabio Rainieri, che ieri ha suggerito al sindaco Federico Pizzarotti di dotare gratuitamente tutte le donne di spray al peperoncino per autodifesa, Parmatoday ha chiesto alle donne parmigiane cosa ne pensano di questa proposta e se la percepiscono come una soluzione per la loro sicurezza personale. Alcune delle donne intervistate, che hanno preferito rimanere anonime, hanno raccontato di aver portato per diverso tempo lo spray al peperoncino in borsa o di tenerlo sempre a disposizione, ma che in realtà non ne hanno mai fatto uso per difendersi. 

Di altra opinione le ragazze  più giovani. Barbara, 21 anni, studentessa spiega: “Secondo me girare con lo spray è una buona idea per difendersi, anche se non credo sia la soluzione”. In gruppo con lei Sara, 20 anni e Francesca, 21 anni, anche loro studentesse universitarie, che affermano: “In generale ci sentiamo sicure in una città come Parma, ma crediamo che dotare le donne di spray al peperoncino non sia un deterrente contro le violenze. Piuttosto le autorità dovrebbero fare il loro lavoro e vigilare alcune zone della città che sono punti caldi per il degrado e la delinquenza”.

E sulla proposta del consigliere regionale, Rita, 55 anni, impiegata dice: “Mi pare che quella di Rainieri sia una mossa propagandistica che non significa niente”. 

Daniela, 24 anni, studentessa dichiara: Mi sembra un deterrente momentaneo che non risolve di certo il problema della sicurezza”. Sara, 23 anni, anche lei studentessa afferma: “Mi sembra una spesa abbastanza alta dotare tutte le donne di Parma di spray al peperoncino. Sarebbe meglio lavorare su politiche per la sicurezza in modo che le donne si sentano più tranquille”. 

Infine Monica, 45 anni, impiegata, molto simpaticamente confessa: “Non vorrei prenderci la mano e spruzzare lo spray a peperoncino quando non è necessario! Sarebbe più utile un corso di autodifesa gratuito e facoltativo aperto alle donne di Parma”. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

"Lunedì Parma e l'Emilia Romagna in zona gialla"

Attualità

Festa di Liberazione: ecco il programma del 25 aprile a Parma

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Parma torna in zona gialla: cosa cambia

  • Attualità

    "Lunedì Parma e l'Emilia Romagna in zona gialla"

  • Cronaca

    "Siamo esausti di pagare per colpe non nostre"

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento