Stop alle feste pubbliche e private e locali chiusi a mezzanotte: ecco le nuove regole

Tutte le ipotesi allo studio per contenere il contagio da coronavirus

Emergenza coronavirus. La nuova ipotesi in campo è quella di chiudere i locali pubblici a mezzanotte, una misura che tutelerebbe in qualche modo almeno i ristoranti da contraccolpi eccessivi. Insieme si cerca di rimodulare lo smart working per ridurre la circolazione delle persone. Si tratta di una strategia che sarà accompagnata da altri provvedimenti, non necessariamente anti-movida. E che sarà condivisa con gli enti locali, visto che prima dell'ok definitivo ci sarà un incontro con le regioni per evitare o ridurre al minimo le polemiche. Nel dettaglio i provvedimenti allo studio sono i seguenti: 

  • divieto per gli sport di contatto anche amatoriali
  • stop alla somministrazione di alcoolici da asporto dopo le 21
  • stretta sugli assembramenti davanti ai locali 
  • chiusura degli esercizi commerciali pubblici alle ore 24
  • blocco totale delle feste in luoghi pubblici o privati
  • limitazioni al numero degli invitati negli eventi come matrimoni, battesimi e cresime
  • incentivi allo smart working
  • possibile riduzione della capienza dei trasporti pubblici, oggi all'80%

Quest'ultimo punto è ancora in discussione visto che l'attuazione degli altri potrebbe renderlo non necessario. Mentre si parla, per converso, anche di una riduzione a dieci giorni della quarantena di chi viene a contatto con i positivi La logica che guida i provvedimenti è quella spiegata ieri dal ministro della Salute Roberto Speranza durante il vertice. Ovvero che il contagio attualmente avviene soprattutto tra parenti e amici, quindi è necessario limitare i contatti. D'altro canto i numeri di ieri parlano da soli: i nuovi contagi sono 5.724 (rispetto ai 5.372 del giorni prima) mentre arrivano a 133.084 tamponi effettuati (nuovo record, ma abbiamo spiegato che il collegamento vale fino a un certo punto). I morti 29. Sono invece soltanto tre in più i pazienti in terapia intensiva e 390 in totale, 250 in più gli ospedalizzati (in tutto 4.336). Ma soprattutto, come si segnalava già ieri, la situazione sta rapidamente precipitando in Lombardia, con 1.140 nuovi positivi, mentre rallenta il ritmo del contagio in Campania: ieri 664 nuovi positivi. 

Il divieto per le feste private e i locali chiusi alle 24

Con questi numeri il governo sta vagliando tra l'altro l'ipotesi di una forte raccomandazione affinché le mascherine siano indossate anche nelle case se in presenza di non conviventi, oltre al divieto di feste private e la conferma della limitazione delle presenze in congressi e manifestazioni pubbliche al chiuso (massimo mille persone all'aperto se consentito dalle condizioni). A queste limitazione potrebbe essere possibile una deroga per alcuni teatri, come La Scala di Milano e il San Carlo di Napoli, con percentuale su capienza rispetto al numero già indicato di massimo 200 spettatori. Repubblica spiega oggi che già a fine estate il Cts aveva ragionato della possibilità, ma non aveva scelto questa strada: i soggetti in isolamento erano pochi, la prudenza “costava” sacrifici contenuti. La situazione ora è cambiata e per questo la riduzione potrebbe essere fondamentale: 

Adesso interi settori – e moltissime famiglie, a causa della scuola – potrebbero rischiare la paralisi. Ridurre la quarantena, tra l’altro, potrebbe anche limitare il numero di tamponi effettuati, perché in diversi casi si potrebbe decidere di non testare i “contatti” a inizio e a fine isolamento, ma una volta sola alla scadenza dei dieci giorni.

Mentre vengono potenziati i controlli sull’uso delle mascherine, il governo vuole impedire le aggregazioni. E dunque si potrà stare all’interno dei locali — seguendo le linee guida già approvate—ma non fermarsi all’esterno a meno che non si sia seduti al tavolo. Le sanzioni imposte sarebbero uguali a quelle previste per chi va in giro senza coprire naso e bocca: da 400 a 1.000 euro di multa.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

E sempre secondo il quotidiano la stretta sui trasporti pubblici potrebbe arrivare a ridurre la capienza al 50%. Intanto il governo vuole sollecitare un aumento dei controlli per rispettare le regole della distanza sia per chi è seduto che per chi è in piedi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, un nuovo Decreto tra domenica e lunedì: chiusura alle 22 e lockdown nel week end

  • Coronavirus: chiusure generalizzate e coprifuoco alle 22

  • Covid: da lunedì 19 ottobre a Parma al via i test gratuiti nelle farmacie

  • Smart working allargato, coprifuoco dalle 22 e chiusura palestre: come potrebbero cambiare le regole anche a Parma

  • Parma, quattro giocatori positivi al coronavirus

  • Allerta terapie intensive: a Parma rischio alto

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ParmaToday è in caricamento