menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Tecnopali | Gli operai protestano sotto la villa del proprietario: "Grazioli vattene, dateci i nostri soldi"

Stamattina, a partire dalle ore 10 e fino alle 11, gli operai - in sciopero ad oltranza dal 26 febbraio dopo l'assemblea della sera precedente per il mancato pagamento degli stipendi di dicembre e gennaio - hanno protestato davanti alla villa di Grazioli, il proprietario dell'azienda in via Emilia Est, poco prima dell'Esselunga

I lavoratori della Tecnopali tornano a protestare in città. Stamattina, a partire dalle ore 10 e fino alle 11, gli operai - in sciopero ad oltranza dal 26 febbraio dopo l'assemblea della sera precedente per il mancato pagamento degli stipendi di dicembre e gennaio - hanno protestato davanti alla villa di Grazioli, il proprietario dell'azienda in via Emilia Est, poco prima dell'Esselunga. Camionette della Polizia e auto dei Carabinieri, insieme agli uomini della Digos, hanno sorvegliato la situazione ma il presidio dei lavoratori è rimasto di fronte alla villa, non ci sono stati blocchi del traffico automobilistico. "Grazioli vattene" è lo striscione appeso dagli operai che hanno protestato con determinatezza: "Non riusciamo più a pagare le bollette e l'affitto, se un operaio non prende lo stipendio da tre mesi ha dei problemi economici seri. Siamo qui per chiedere il rispetto dei nostri diritti come lavoratori e per avere i nostri soldi". 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Inquinamento: via libera ai diesel Euro 4 fino a lunedì 8 marzo

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Covid: più di 200 casi ma nessun decesso

  • Cronaca

    Vaccini anti-Covid, a Parma superata quota 50.000

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento