Lo choc dei vicini dopo la tragedia

Dopo il tentato femminicidio siamo andati in Strada Argini Enza, 71 nei pressi dell'azienda agricola in cui è avvenuto il ferimento di Annamaria Parmeggiani

Dopo la tragedia che si è consumata al civico 71 di strada Argini alle prime luci dell'alba di domenica 15 luglio i vicini sono sotto choc e nessun parla. Dopo il tentato femminicidio siamo andati sul posto, nei pressi del civico 71 di strada Argini Enza dove si trova l'azienda agricola all'interno della quale è avvenuto il ferimento della donna: i vicini non hanno voluto rilasciare dichiarazioni.

Nella notte Carlo Sibiri, un 66enne ora ricoverato in gravissime condizioni all'Ospedale Maggiore, ha preso la pistola che deteneva illegalmente in casa e ha sparato al volto della moglie Annamaria Parmeggiani, ferendola fortunatamente solo di striscio. Sibiri, dopo essersi barricato in una villa di fianco alla sua abitazione si è gettato dal secondo piano, dall'altezza di circa sei metri. Soccorso dagli uomini del 118 ora è ricoverato in gravissime condizioni, nel reparto di Rianimazione del Maggiore. I vicini si trincerano dietro il silenzio: troppo grande 

Potrebbe interessarti

  • Parma, tappa per BlaBlaBus: si viaggia in tutta Europa

  • Le cause e i rimedi naturali per combattere la pancia gonfia

  • Come pulire e igienizzarei bidoni della spazzatura

  • I 10 elementi che devono essere conservati fuori dal frigorifero

I più letti della settimana

  • Schianto tra due mezzi pesanti in A1: muore un camionista

  • Incidente in piscina: la 12enne parmigiana è morta

  • Perde il lavoro e tenta di suicidarsi in tangenziale: 22enne salvato dai poliziotti

  • Tragedia a Pontetaro: 25enne si tuffa nel fiume e annega

  • Parma sotto choc per la morte di Sofia Bernkopf: "Una bambina che amava ballare e sorrideva a tutti"

  • Pauroso schianto tra auto e bici a Noceto: 16enne gravissimo al Maggiore

Torna su
ParmaToday è in caricamento