Trovato un potente lumachicida nel parco dei Vetrai: bonificato e riaperto

E' stato riaperto alla fruizione pubblica il Parco dei Vetrai dopo che la Polizia Municipale ha concluso l'attività di controllo e dopo la completa bonifica dell'area verde

E' stato riaperto alla fruizione pubblica il Parco dei Vetrai dopo che la Polizia Municipale ha concluso l'attività di controllo e dopo la completa bonifica dell'area verde, chiusa per qualche tempo al pubblico, per le verifiche approfondite a seguito dell'avvelenamento di un cane, salvato in extremis dopo la parziale ingestione di una sostanza granulare di colore azzurro, che si è rivelata essere un potente lumachicida.

L’episodio è accaduto nella zona verde prospiciente Via Milano, dietro la Casa di Riposo per Anziani di via Ravenna. E' stato proprio attraverso le accurate indagini della Polizia Municipale che si è giunti alla conclusione della vicenda. Gli agenti, dopo aver delimitato l’area, in un primo tempo, hanno posto specifici avvisi per mettere in sicurezza la zona ed impedire l'accesso di altri animali in modo da prevenire spiacevoli rischi agli utenti dell’area verde. Per questa ragione il parco è stato temporaneamente chiuso.

Il Comando della Polizia Municipale ha, quindi, dato seguito, nel rispetto della normativa vigente, ad un ulteriore sopralluogo nel parco, mappando ed ispezionando tutta la sua superficie. Al suo interno è stata rinvenuta e recuperata la sostanza responsabile del malore del cane: un lumachicida pericoloso non solo per gli animali d’affezione ma anche per l’uomo. La sostanza si presenta in granuli di colore azzurro/turchese, è inodore e dal sapore dolciastro.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il materiale rinvenuto è stato inviato all’Istituto Zooprofilattico per le analisi, è stato sequestrato ed è stata inviata l’informativa di reato all’Autorità Giudiziaria.
Contestualmente è stato allertato il Servizio Ambiente del Comune che ha ha provveduto alla bonifica di tutta la zona, in modo da scongiurare qualsiasi rischio, con lo sfalcio “straordinario” di tutta l’area a prato ed il suo controllo minuzioso. Grazie al Servizio Forestale dei Carabinieri è stato fatto un ulteriore sopralluogo che ha confermato la sicurezza della Parco, ora riaperto al pubblico.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuovo focolaio nella Bassa: 33 lavoratori contagiati

  • Blitz contro gli assembramenti: chiuso un locale in via Emilio Lepido

  • Bimbo di 2 anni azzannato da un cane in via Po: è grave in ospedale

  • Coronavirus, a Parma 13 nuovi casi: 9 sono i lavoratori della cooperativa

  • Trovato il corpo del 18enne parmigiano annegato in mare

  • Tragedia: 25enne muore in ospedale 18 mesi dopo l'incidente

Torna su
ParmaToday è in caricamento