menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Strada Beneceto, cercano di pagare con assegni falsi: due uomini denunciati per tentata truffa

Ci si recava negli esercizi commerciali, si metteva in carrello quanta più merce possibile e, una volta alla cassa, si pagava tramite assegni riferiti a conti correnti non più attivi. Ma grazie ad un commesso e alal Polizia i due sono stati bloccati

Il gioco era semplice: ci si recava negli esercizi commerciali, si metteva in carrello quanta più merce possibile e, una volta alla cassa, si pagava tramite assegni riferiti a conti correnti non più attivi. In pratica, si acquistava merce a costo zero. Ma ad impedire che il piano criminoso venisse attuato ci hanno pensato la prontezza di un commesso e la celerità della Volante.

Intorno alle ore 12 è giunta in Questura una richiesta di intervento presso un esercizio commerciale di strada Beneceto, in quanto un commesso aveva notato due persone che, senza particolare attenzione, riempivano il carrello di merce e in cassa chiedevano di pagare con assegno. Il rifiuto di tale modalità di pagamento da parte della cassiera, e la successiva discussione che ne scaturiva, faceva trascorrere un paio di minuti utili a far giungere sul posto la Volante. Alla vista degli agenti i due uomini potenziali acquirenti velocemente uscivano dai locali e, una volta saliti a bordo della propria autovettura, si allontanavano rapidamente facendo strada verso la tangenziale a forte velocità.

Con non poca difficoltà la Volante si lanciava all’inseguimento e riusciva ad intercettare le due persone nei pressi di via BurlaDalle varie perquisizioni effettuate, personale e veicolare, sono stati trovati svariati assegni bancari in bianco relativi a conti inattivi e numerose carte di credito. Chiarite le intenzioni illecite e fatti i necessari approfonditi accertamenti, le due persone fermate, originari di Napoli e lì residenti, uno dei quali pregiudicato e già gravato da avviso orale emesso dal Questore di Parma nel mese di settembre 2013, venivano denunciate a piede libero per tentata truffa aggravata.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Il Giro passa da Parma: ecco le tappe e gli orari

Attualità

L'11 Maggio passa il Giro

Salute

Che cos'è e come combattere la ritenzione idrica

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento