Crac Parmalat, udienza di appello a Bologna: Tanzi molto provato

L'ex patron del Gruppo di Collecchio è arrivato nel capoluogo felsineo intorno alle 10. E' apparso visibilmente dimagrito ed è sceso dal mezzo della polizia penitenziaria con le manette ai polsi

Calisto Tanzi

L'ex patron del Gruppo di Collecchio è apparso visibilmente provato e dimagrito. Calisto Tanzi è arrivato poco prima delle 10 in aula in Corte d'appello a Bologna, dove si sta svolgendo il processo d'appello per il crac della Parmalat. Tanzi, attualmente detenuto nel carcere di Parma, è arrivato a bordo di un cellulare della polizia penitenziaria ed è sceso dal mezzo con le manette ai polsi. Nell'aula Bachelet, dove si svolge l'udienza, è stato fatto sedere libero accanto ai suoi difensori.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, un nuovo Decreto tra domenica e lunedì: chiusura alle 22 e lockdown nel week end

  • Coronavirus: chiusure generalizzate e coprifuoco alle 22

  • Covid: da lunedì 19 ottobre a Parma al via i test gratuiti nelle farmacie

  • Covid, in arrivo un nuovo Dpcm: limitazioni su orari e spostamenti

  • Marito e moglie positivi al Covid escono di casa per aiutare l'amico fermato senza patente: denunciati

  • Smart working allargato, coprifuoco dalle 22 e chiusura palestre: come potrebbero cambiare le regole anche a Parma

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ParmaToday è in caricamento