Vende 'santini' a domicilio e deruba i negozianti: 43enne fermato e denunciato

Con questo stratagemma un uomo originario di Torino è riuscito a sottrarre merce e generi alimentari da alcuni negozi a Roccabianca: i carabinieri sono riusciti ad identificarlo

E' arrivato a Roccabianca con l'intento di rubare all'interno di alcuni negozi. Lo stratagemma che un ladro di 43 anni, proveniente dalla città di Torino, è curioso: si avvicinava ai negozianti proponendo la vendita a porta a porta di immagini sacre, in particolari di 'santini' della Madonna. Nel corso degli ultimi giorni il malvivente ha colpito in più occasioni: è infatti entrato all'interno di alcuni negozi e, dopo aver distratto i titolari proponendo l'acquisto di santini mariani, è riuscito a rubare alcuni generi alimentari ed altra merce. Le vittime del furto hanno avvertito i carabinieri, che dopo aver visionato le telecamere, sono riusciti ad identificare e fermare l'uomo. Le indagini si sono avvalse anche delle segnalazioni di alcuni cittadini, che avevano notato il 43enne nei pressi delle loro abitazioni. Per lui una denuncia per furto aggravato e continuato, oltre ad un foglio di via obbligatorio dal comune di Roccabianca. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Pizzarotti furioso: "Non è una gara a chi è più stupido"

  • Da sabato 23 maggio i parmigiani potranno andare al mare: ma solo in Emilia-Romagna

  • Coronavirus: le regioni ad alto rischio non riapriranno il 3 giugno

  • Paura in via Emilia Est: auto si ribalta alla rotonda e finisce nel parcheggio dell'Ovs

  • "La mia prima cena dopo il lockdown: vi racconto com'è andata"

  • Amazon apre un nuovo deposito di smistamento a Parma

Torna su
ParmaToday è in caricamento