Donne, a Parma 194 vittime di violenza: 222 accolte dal Cav

La dipendenza economica è uno dei fattori che rendono difficile il percorso di uscita dalla violenza. Circa il 70% delle 2.692 donne accolte dagli 11 centri antiviolenza della regione ha dichiarato un reddito insufficiente o inesistente

Donna vittima di violenze

La dipendenza economica e' uno dei fattori che rendono difficile per le donne il percorso di uscita dalla violenza. Circa il 70% delle 2.692 donne accolte dagli 11 centri antiviolenza dell'Emilia-Romagna nel 2011 ha dichiarato, infatti, un reddito insufficiente o inesistente. Una poverta', quella delle donne che chiedono aiuto, che va a sommarsi alle difficolta' dei centri stessi che, in alcuni casi, dispongono di risorse sempre piu' esigue a causa della crisi e dei tagli effettuati sui bilanci degli enti locali. Delle donne accolte, 2.216 sono state vittime di violenza e maltrattamenti (di queste
1.425 sono italiane e 914 straniere). Sono 123 quelle ospitate nelle case rifugio e 120 i minori.

Sono 11 le associazioni riunite nel Coordinamento regione dei centri antiviolenza. A Bologna la Casa delle donne ha accolto 618 donne (587 le vittime di violenza di cui 307 italiane e 208 straniere) e nelle case rifugio ha ospitato 24 donne e 22 minori, mentre Sos Donna ha accolto 51 vittime di violenza (43 italiane e otto straniere).

Il Centro antiviolenza di Parma ha accolto 222 donne (194 vittime di violenza di cui 107 italiane e 87 straniere), ha ospitato 17 donne e 32 i minori. A Faenza la onlus Sos Donna ha aiutato 155 donne (140 vittime di violenza di cui 96 italiane e 44 straniere), e ha ospitato sette donne e sette minori. Il Centro donna giustizia di Ferrara ne ha accolte 278 (176 vittime di violenza di cui 107 italiane e 65 straniere), ha ospitato 12 donne e 10 minori. Demetra di Lugo ha aiutato 54 donne (39 vittime di violenza di cui 26 italiane e 13 straniere).

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il Centro contro la violenza di Modena ha aiutato 237 donne (231 vittime di violenza di cui 118 italiane e 113 straniere), ha ospitato 11 donne e sette minori. Il Telefono rosa di Piacenza ha accolto 173 donne (156 vittime di violenza di cui 100 italiane e 55 straniere) e ne ha ospitate due. Linearosa di Ravenna ha accolto 404 donne (352 vittime di violenza di cui 232 italiane e 120 straniere) e ha ospitato 21 donne e 12 minori. Nondasola di Reggio Emilia ha accolto 403 donne (393 vittime di violenza di cui 218 italiane e 175 straniere) e ha ospitato 24 donne e 30 minori. Rompi il silenzio di Rimini ha aiutato 97 donne vittime di violenza (71 italiane e 26 straniere) e ne ha ospitate 5.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, un nuovo Decreto tra domenica e lunedì: chiusura alle 22 e lockdown nel week end

  • Coronavirus: chiusure generalizzate e coprifuoco alle 22

  • Covid: da lunedì 19 ottobre a Parma al via i test gratuiti nelle farmacie

  • A Parma vietate le feste e lo sport amatoriale: mascherina in casa con i non conviventi

  • Smart working allargato, coprifuoco dalle 22 e chiusura palestre: come potrebbero cambiare le regole anche a Parma

  • Parma, quattro giocatori positivi al coronavirus

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ParmaToday è in caricamento