Cronaca

Donne, a Parma 194 vittime di violenza: 222 accolte dal Cav

La dipendenza economica è uno dei fattori che rendono difficile il percorso di uscita dalla violenza. Circa il 70% delle 2.692 donne accolte dagli 11 centri antiviolenza della regione ha dichiarato un reddito insufficiente o inesistente

Donna vittima di violenze

La dipendenza economica e' uno dei fattori che rendono difficile per le donne il percorso di uscita dalla violenza. Circa il 70% delle 2.692 donne accolte dagli 11 centri antiviolenza dell'Emilia-Romagna nel 2011 ha dichiarato, infatti, un reddito insufficiente o inesistente. Una poverta', quella delle donne che chiedono aiuto, che va a sommarsi alle difficolta' dei centri stessi che, in alcuni casi, dispongono di risorse sempre piu' esigue a causa della crisi e dei tagli effettuati sui bilanci degli enti locali. Delle donne accolte, 2.216 sono state vittime di violenza e maltrattamenti (di queste
1.425 sono italiane e 914 straniere). Sono 123 quelle ospitate nelle case rifugio e 120 i minori.

Sono 11 le associazioni riunite nel Coordinamento regione dei centri antiviolenza. A Bologna la Casa delle donne ha accolto 618 donne (587 le vittime di violenza di cui 307 italiane e 208 straniere) e nelle case rifugio ha ospitato 24 donne e 22 minori, mentre Sos Donna ha accolto 51 vittime di violenza (43 italiane e otto straniere).

Il Centro antiviolenza di Parma ha accolto 222 donne (194 vittime di violenza di cui 107 italiane e 87 straniere), ha ospitato 17 donne e 32 i minori. A Faenza la onlus Sos Donna ha aiutato 155 donne (140 vittime di violenza di cui 96 italiane e 44 straniere), e ha ospitato sette donne e sette minori. Il Centro donna giustizia di Ferrara ne ha accolte 278 (176 vittime di violenza di cui 107 italiane e 65 straniere), ha ospitato 12 donne e 10 minori. Demetra di Lugo ha aiutato 54 donne (39 vittime di violenza di cui 26 italiane e 13 straniere).

Il Centro contro la violenza di Modena ha aiutato 237 donne (231 vittime di violenza di cui 118 italiane e 113 straniere), ha ospitato 11 donne e sette minori. Il Telefono rosa di Piacenza ha accolto 173 donne (156 vittime di violenza di cui 100 italiane e 55 straniere) e ne ha ospitate due. Linearosa di Ravenna ha accolto 404 donne (352 vittime di violenza di cui 232 italiane e 120 straniere) e ha ospitato 21 donne e 12 minori. Nondasola di Reggio Emilia ha accolto 403 donne (393 vittime di violenza di cui 218 italiane e 175 straniere) e ha ospitato 24 donne e 30 minori. Rompi il silenzio di Rimini ha aiutato 97 donne vittime di violenza (71 italiane e 26 straniere) e ne ha ospitate 5.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Donne, a Parma 194 vittime di violenza: 222 accolte dal Cav

ParmaToday è in caricamento