menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
immigrazione

immigrazione

Asl-Ciac, protocollo di intesa per le vittime di tortura: al via 4 progetti

Dopo la collaborazione nel 2009-2011 il Centro Immigrazione Asilo e Cooperazione si coordinerà con l'azienda sanitaria per fornire servizi di assistenza agli immigrati

Nuovo protocollo d'intesa - dopo la collaborazione stabilita per il periodo 2009-2011 - tra l'Asl di Parma e Ciac-Centro Immigrazione Asilo e Cooperazione Internazionale a favore delle vittime di tortura. Il protocollo, di durata biennale, punta alla costituzione del Coordinamento Interdisciplinare Socio-Sanitario e a integrare il lavoro in modo coordinato con equipe multiprofessionali individuate nei servizi in ognuno dei quattro distretti dell'Asl parmigiana. Grazie al protocollo - si legge in una nota - sarà possibile dare vita ad una rete di professionisti, sul territorio provinciale, "per realizzare sinergie mirate a migliorare la qualità dei servizi offerti alla popolazione immigrata, con particolare riferimento alle vittime di tortura".

Quattro i progetti in corso: 'Terra d'asilo - categorie ordinarie, progetto che svolge funzioni di accoglienza abitativa e integrazione sociale per 27 rifugiati; 'Terra d'asilo - categorie vulnerabili - servizio disagio mentale, che svolge funzioni di accoglienza abitativa e integrazione sociale per quattro rifugiati in condizioni di disagio psichico; 'Salut-Are: formare, confrontare, cambiare per migliorare i servizi di tutela socio-sanitari rivolti ai richiedenti e titolari di protezione internazionale', che vede la costituzione di 10 equipe multidisciplinari su territorio nazionale e la realizzazione di venti percorsi formativi rivolti al personale socio-sanitario.

'DiversaMente: rete nazionale per l'accoglienza e la riabilitazione per i richiedenti asilo e rifugiati portatori di disagio mentale", progetto che prevede interventi di accoglienza, riabilitazione e integrazione socio-economica dei rifugiati con disagio menta; al le. Nella provincia di Parma i destinatari sono in tutto 29, suddivisi nei diversi progetti, di cui sei in un apposito progetto di 'Pronta accoglienza' di Prefettura, Questura, Provincia, Comuni di Parma e Fidenza.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Viaggi in Europa: ecco cos'è il passaporto Covid

Attualità

Covid: a Parma quasi 45 mila vaccinazioni

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Parma rischia di finire in zona rossa

  • Cronaca

    Firmato il Dpcm: tutte le restrizioni fino a Pasqua

  • Cronaca

    Covid: scendono i casi, salgono i morti

  • Cronaca

    Oggi il Dpcm: le scuole a Parma verranno chiuse?

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento