menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Vivicittà entra in carcere con la gara podistica: sfida tra detenuti, atleti e studenti

La gara si terrà mercoledì 7 maggio dalle 9 alle 12 agli Istituti Penitenziari di Parma. Gareggiano un gruppo di detenuti, alcuni studenti dell’Istituto Pietro Giordani, atleti UISP e una delegazione di dipendenti di Fondazione Cariparma

"Vivicittà entra in carcere con la gara podistica" si terrà domani, mercoledì 7 maggio dalle 9 alle 12 agli Istituti Penitenziari di Parma. Gareggiano un gruppo di detenuti, alcuni studenti dell’Istituto Pietro Giordani, atleti UISP e una delegazione di dipendenti di Fondazione Cariparma. L’iniziativa rientra nel progetto “La promozione del benessere psicofisico negli istituti penitenziari” promosso dall’Azienda USL, finanziato da Fondazione Cariparma. Le attività motorie previste dal progetto sono realizzate con la collaborazione dell’UISP provinciale, della Direzione degli Istituti Penitenziari e del personale di Polizia Penitenziaria.

 
Testimonial dell’evento è il runner Paolo Bucci. Saranno presenti, per l’AUSL, Giuseppina Ciotti (direttore del Distretto di Parma), Antonio Balestrino (direttore Dipartimento Cure Primarie Distretto di Parma) e Francesco Ciusa (direttore U.O. Salute nelle carceri), Walter Antonini (Assessore allo Sport della Provincia di Parma), Giovanni Marani (Assessore alle Sport del Comune di Parma), i cronometristi dell’UISP Corrado Nicoli ed Ezio Ghiretti, il Direttore reggente degli Istituti Penitenziari, Anna Albano e, per Fondazione Cariparma, il Segretario Generale Luigi Amore.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Viaggi in Europa: ecco cos'è il passaporto Covid

Attualità

Covid: a Parma quasi 45 mila vaccinazioni

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Parma in zona rossa: oggi si decide

  • Sport

    L'Inter soffre, ma vince: al Parma restano solo i complimenti

  • Cronaca

    Covid: quasi 170 casi e un morto

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento