menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Marco Di Vaio con la maglia del Parma, dove è stato dal 1999 al 2002 - Tm News Infophoto

Marco Di Vaio con la maglia del Parma, dove è stato dal 1999 al 2002 - Tm News Infophoto

ESCLUSIVA - Verso il derby con Marco Di Vaio: "Parma nel cuore"

L'attaccante romano si racconta: "Sarà una partita tirata, spero in un bello spettacolo. Io ne ho giocati tanti, quella che mi ricordo è la partita dello spareggio, segnai io per i rossoblù"

L'ultima partita della sua carriera italiana Marco Di Vaio l'ha giocata al Tardini. Ma con indosso la maglia del Bologna, quella che è stata sua per quattro stagioni, dal 2008 al 2012, prima di salutare il calcio nostrano ed emigrare in Canada, sponda Montreal Impact. Numeri importanti in quegli anni di Bologna, 143 gare segnate da 65 reti, importanti alcune, importantissime altre, come quelle che hanno sancito la permanenza in A del suo Bologna, stagione 2009/2010, proprio contro il Parma, nello spareggio che vale più di un derby. La sua doppietta è stata fondamentale per garantire ai suoi di rimanere nel calcio che conta. Del quale lui è riuscito a far parte per anni. Passando, nemmeno a farlo apposta, da Parma. Tre stagioni nel Ducato per farsi conoscere, 83 presenze condite con 41 perle, poi la Juventus. Marco Di Vaio di derby se ne intende. Il doppio ex, in vacanza, è stato intervistato in esclusiva da parmatoday.it a poche ore dalla partita del Dall'Ara.

VI SPIEGO IL DERBY - "Mi aspetto una gara tirata, malgrado le due squadre siano in gran forma - spiega il bomber -, perché un derby è sempre un derby". E l'ultimo vinto dal Bologna è targato proprio Di Vaio. Doppietta e serie A. "Quella partita me la ricordo eccome, è stata la più importante, ci giocavamo la permanenza nella massima serie. Vestivo la maglia rossoblù, abbiamo vinto noi proprio grazie a una mia doppietta. E' stata una festa". La stessa che il Tardini gli ha riservato in occasione della sua ultima gara nel calcio italiano. "Una data che non dimenticherò mai - dice Di Vaio -. Il saluto dello stadio è stato fantastico, commovente, vuol dire che mi sono fatto apprezzare. Per me Parma ha significato tanto, mi ha lanciato verso il calcio che conta e sarò grato alla città e ai tifosi che mi hanno regalato tante soddisfazioni". Soddisfazioni che ora si sta togliendo in Canada. "Lì sto bene - spiega l'attaccante romano -, l'Italia calcistica non mi manca affatto e penso proprio che chiuderò con il Montreal. Non tornerò a giocare nel nostro Paese". Mercato bloccato dunque come bloccata si immagina la partita di sabato. "Non so come finirà il derby, mi auguro solo che ci sia un grande spettacolo, dentro e fuori dal campo. Sarà una partita equilibrata e sentita. Chi vince? Non lo so, non tifo per nessuno, a Bologna ho lasciato tanti ricordi, mi sono trovato benissimo, il Parma mi ha lanciato nel calcio che conta, lo porto nel cuore. SPero sia una bella gara".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Inquinamento: via libera ai diesel Euro 4 fino a lunedì 8 marzo

Attualità

Aree verdi: 250 mila euro per i nuovi giochi bimbi

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Covid, aumentano i ricoverati al Maggiore: "Giovani vettori del virus"

  • Cronaca

    Vaccini anti-Covid, a Parma superata quota 50.000

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento