Parma, parla Gobbi: "E' cambiata la nostra mentalità"

Durante la conferenza stampa odierna, il centrocampista ducale ha svelato il segreto dell'ottimo finale di campionato disputato dalla squadra:" E' cambiato il modo di approcciarsi alla partita"

Con il campionato ormai concluso, il Parma è tornato al lavoro, oggi, presso il Centro sportivo di Collecchio. Alla ripresa si è presentato in conferenza stampa Massimo Gobbi, che ha commentato l'ottimo finale di campionato caratterizzato da sette vittorie consecutive e la conquista dell'ottavo posto con 56 punti. 

CAMBIO DI MENTALITA' - "E' cambiata la mentalità, a partire dalla preparazione in settimana. Abbiamo cercato e piano piano ci siamo riusciti di imporre il nostro gioco sempre, indipendentemente dall'avversario e siamo andati in campo per giocare, per segnare e per vincere - ha spiegato il centrocampista - in casa del resto era una cosa che non ci e' mai mancata, fuori casa invece non accadeva con continuità". Una grinta che all'inzio del campionato, forse,  è mancata in trasferta, infatti Gobbi ha sottolineato proprio questo: "Non sempre c'era quella grinta e quella determinazione che avevamo nelle partite a Parma. Quindi direi che eè cambiata soprattutto la mentalità in trasferta e più in generale è cambiato il modo di approcciarsi alla partita, cercando sempre di fare noi la gara".
Un cambio di mentalità che, quindi, ha giovato sia al gioco che ai risultati che ha portato entusiasmo nel gruppo. "I risultati, non c'è dubbio, sono la medicina migliore,  quando i risultati vengono c'è piu' entusiasmo, si gioca con piu' spensieratezza, la palla, come si dice in gergo, pesa meno. Anche prima delle sette partite di fila vinte, comunque avevamo giocato dei buoni match, anche se non avevamo magari conquistato i tre punti".
 
SUL FUTURO DELLA SQUADRA - Quello che si spera in casa Parma è che si inizi il prossimo campionato così come è stato chiuso questo. Molto dipenderà anche dal mercato ma Gobbi è fiducioso:" Quest'anno abbiam chiuso davvero alla grande, con risultati e prestazioni eccezionali. Il punto di partenza deve essere il lavoro fatto in tutto questo periodo. Poi non si potranno vincere tutte le partite eè ovvio, ma la base da cui ripartire è sicuramente questa. Poi non dobbiamo pensare di essere diventati bravi, tutti si rinforzeranno e tutti partiremo da zero. Dovremo rimboccarci le maniche subito". Sul suo futuro Gobbi assicura che resterà a Parma: "Io resto qui, ho altri due anni contratto".
 
DONADONI- PRANDELLI - Massimo Gobbi ha anche parlato delle possibili analogie tra il suo attuale tecnico Donadoni e un suo ex, l'attuale ct della Nazionale Prandelli"Qualcosa di simile tra i due e i loro metodi c'è. Entrambi poi sono supportati da uno staff di altissimo livello, ci preparano molto bene, con un lavoro sempre preciso e pignolo".
 
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, un nuovo Decreto tra domenica e lunedì: chiusura alle 22 e lockdown nel week end

  • Coronavirus: chiusure generalizzate e coprifuoco alle 22

  • Covid: da lunedì 19 ottobre a Parma al via i test gratuiti nelle farmacie

  • Smart working allargato, coprifuoco dalle 22 e chiusura palestre: come potrebbero cambiare le regole anche a Parma

  • Parma, quattro giocatori positivi al coronavirus

  • Allerta terapie intensive: a Parma rischio alto

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ParmaToday è in caricamento