Parma, Leonardi presenta Costa e Lodi. "Cassano alla Samp? Non è un prodotto che si offre"

L'ad Pietro Leonardi ha presentato oggi nella sala stampa del nostro Centro Direzionale i neo crociati Andrea Costa e Francesco Lodi. Leonardi: "Non faremo alcuna presentazione della squadra, siamo stati danneggiati dalla vicenda della licenza Uefa"

Foto: FcParma

L'ad Pietro Leonardi ha presentato oggi nella sala stampa del nostro Centro Direzionale i neo crociati Andrea Costa e Francesco Lodi (per Lucas Souza si stanno ultimando le pratiche di tesseramento, domenica non sarà a disposizione per la gara con il Cesena):"Sono due giocatori che conosco da tanto tempo. Lodi l'ho strappato al Parma anni fa per portarlo ad Empoli e l'ho riportato qui ora. Costa si e' approcciato al calcio con me a Reggio Emilia. Li ho visti crescere. Ho visto le loro performance nelle varie squadre. Li conosco come giocatori e come uomini. Voi sapete che qui al Parma scegliamo prima di tutto gli uomini. Sono giocatori che non devo certo illustrarvi dal punto di vista tecnico. Sono stati fortemente voluti ed è nel nostro intento dare sempre all'allenatore giocatori multifunzionali che sappiano rispondere, se c'è esigenza a ricoprire più ruoli. Parlando di Costa, vale la stessa cosa. Preciso che con lui c'è un progetto lungo ed è un difensore centrale".

Al termine della presentazione di Francesco e Andrea, l'ad Leonardi si è messo a disposizione dei media. Il primo tema affrontato è Antonio Cassano e quanto pubblicato sabato scorso su un suo '"sfogo" con la squadra, mister Donadoni e appunto Leonardi.

Dopo le repliche dei giocatori e del nostro allenatore è arrivata oggi anche quella dell'amministratore delegato: "Mi fate questa domanda? Le risposte le deve dare chi crea le domande. Quello che è stato scritto non è vero. Avrei voluto chiedere io a voi, ma di voi non c'era nessuno. Si è trattato di un caso di routine, di quelli che succedono ma che però viene strumentalizzato o ingigantito a seconda di chi ne è l'artefice. Cassano è un giocatore del Parma. Non c'è nessun problema. Poi, risponda chi scriva. Io devo rendere conto alla gente. Se volete vedere il clima al Parma, venite qui. E' da luglio che ci sono attacchi. Preferisco organizzare serate con i tifosi. Dare conto ai nostri tifosi, che hanno risposto. C'è la campagna denigratoria e c'è la campagna abbonamenti.

Dopo la mancata Europa League, parlando con qualcuno di loro, non in una sala stampa o in una intervista, ho detto "Andiamocela a riprendere". Sapete come è stata gestita questa frase. Ma ora aggiungo: Ho voglia di andare a riprendere quel che ci han tolto. Cosa dovrei dire? Era dall'epoca Tanzi che non si arrivava sesti e i tifosi sono gli unici che sembrano non essersene dimenticati. Abbiamo già superato i paganti dell'anno scorso. Era lecito aspettarsi un calo visto anche la condizione economica del Paese e invece.. Gli abbonati sono 6536, con 1492 adesioni per 'Porta un crociato'. L'anno scorso eravamo a 6.215, a cui poi sono stati aggiunti 1.936 abbonamenti venduti agli sponsor e i 1.050 di servizio. Quindi sono fiducioso che in totale quest'anno passeremo i 10.000. Ecco allora io oggi dico "Grazie ai nostri tifosi per la fiducia e state certi che Leonardi vi sarà vicino. Vogliamo mantenere competitività. La squadra per me e' competitiva. C'è uno zoccolo duro che dà anche continuità mentale. Sono poi fiducioso nella componente tecnica e nel sostegno dei tifosi. Parma non e' piazza fredda. E' attaccata alla squadra. E non e' finita. Sono fiducioso che da qui alla chiusura della campagna abbonamenti ci saranno altri segnali...".

Calciomercato: è vero che il presidente Ghirardi ha parlato con la Samp per offrire Cassano in cambio di Bergessio?  "Ghirardi non ha parlato con Ferrero e Cassano non è un prodotto che si offre. Io non ho mai offerto nessun giocatore. Di mercato mi occupo io e ho parlato con Ferrero e Osti di Costa e Marchionni."

Sul prestito di Cerri al Lanciano: "Deve maturare. Giocare 40 partite. E' per noi un giocatore importantissimo. Oltretutto anche in questo caso c'era la volontà del ragazzo di andare. Ci auguriamo che torni ancora più forte e che sia il futuro del Parma. Sul futuro di Josè Mauri: "Visto che in alcuni reparti siamo coperti e in altri meno, valuteremo sulla base di questo ragionamento". Su Lucas Souza: "E' stato visionato dal nostro scouting e anche Galderisi che l'ha allenato ha dato una valutazione positiva. E' un investimento, dimostrerà il suo valore sul campo. Essendo extracomunitario  tutte le pratiche per il tesseramento richiedono più tempo, le stiamo ultimando".

Ci saranno cessioni in questi ultimi giorni di mercato, dobbiamo poi aspettarci altri arrivi? "Ci può stare. Dico sempre che una trattativa si chiude se tutte le componenti coincidono. Se una società che vuole acquistare, l'altra vuole vendere e la volontà del giocatore. Mi han chiesto giocatori, ma non li ho venduti. Per Mirante per esempio è arrivata un'offerta da qui vicino e ho detto grazie e arrivederci. Come può accadere se siamo quella società che viene dipinta...". Mendoza? "E' in prova, lo stiamo valutando". 

Sa se il Presidente Ghirardi ha cambiato idea? "Ghirardi a giugno ha esternato una volontà. Quando si chiuderà il bilancio, nel CDA che ci sarà a ottobre o novembre,  si verificheranno o meno le sue dimissioni. Ma Ghirardi ha detto una cosa ancora più importante. Ha detto che la società è in vendita. Quanti hanno chiesto il Parma?  Beh, vi do io una risposta.  "Zero". Perchè nessuno chiede? Qual e' il futuro senza Ghirardi? Perche nessuno si pone la domanda? Allora?! Dobbiamo fare opera di coesione. Quella fatta da giocatori, dirigenti e tifosi. Queste componenti infatti lo hanno capito che Ghirardi e' indispensabile"

Sulla presentazione della squadra: "Non faremo alcuna presentazione, secondo il taglio diverso che vogliamo dare. Noi siamo stati danneggiati per la vicenda della licenza Uefa, c'è poco da gioire".

A proposito della licenza Uefa:"Un solo giudizio ci ha dato torto e quattro giudizi hanno detto di non essere competenti. Fin quando ho la forza di andare avanti, vado fino in fondo. Sono fiducioso per far vedere alla gente che abbiamo fatto le cose giuste. Il Parma dovrà essere incazzato e dare il meglio sul campo, trasmettendo questa rabbia anche ai tifosi. Spero siano incazzati come noi. Io andrò sino in fondo su questo tema. Nei ricorsi ora siamo incudine, speriamo di diventare martello. Le strategie le fanno i legali, si vedrà se avremo avuto torto o ragione, ma solo quando saranno finite tutte le fasi di giudizio. Se l’ultimo giudizio ci dirà che avremo torto, chiederò umilmente scusa a tutta la tifoseria".

Sulle strategie di gestione della società:°Non abbiamo chiesto a nessuno di spalmare gli ingaggi. Noi avevamo 157 calciatori. La nostra strategia è stata modificata perché il calcio è cambiato nelle sue regole".

Infine, sulla qualità dell'organico che si sta allestendo:"Siamo convinti che questo gruppo sia competitivo. Numericamente siamo ancora esposti, c'è bisogno di sfoltire, ci sono differenze tra reparti. Da qui a lunedì è breve e allo stesso tempo è lunghissima. Spero di colmare sproporzione tra i reparti. Vogliamo rimanere competitivi, mantenere una competitività aziendale. Da luglio a sentire le voci dovevano andare via tutti da qui e invece non è partito nessuno. E’ arrivato Lodi, sono giunti altri giocatori e qualcun altro forse arriverà. Io sono fiducioso,la squadra è competitiva. C’è continuità anche con la guida tecnica, che conosce a memoria tutta la nostra realtà".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Referendum del 20 e 21 settembre: tutte le informazioni sul voto

  • Covid: a Parma sei positività tra il personale scolastico

  • Il Covid torna ad uccidere: muore una donna

  • Il Babbo più Bello d'Italia è il parmigiano Alessio Chiriani 

  • Aereo precipita a Cremona: muore il pilota 54enne di Fontevivo

  • I Nas di Parma fanno chiudere un bar con il 100% dei lavoratori in nero

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ParmaToday è in caricamento