menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il tecnico del Parma Donadoni: vigilia tesa in casa crociata - foto Tm News Infophoyo

Il tecnico del Parma Donadoni: vigilia tesa in casa crociata - foto Tm News Infophoyo

Vigilia con il Sassuolo, Donadoni: "Mi fido ancora di Manenti, se poi non paga è finita"

Il tecnico crociato non si nasconde: "Il presidente ha detto che pagherà entro il 19? Io ci credo, o fa come dice o è finito tutto, non abbiamo scampo. Inutile stare qui a pensare se o ma. Giuli ha detto che non si fida? Ma Giuli deve ancora dei soldi?..."

La vigilia contro il Sassuolo non lascia spazio al campo, non ancora. Anche se il sabato insolito di Collecchio, con conferenza stampa alle 18 e poi partenza della squadra per Reggio Emilia, per un insolito (anche qui) ritiro. Venerdì Donadoni ha lasciato liberi i calciatori, "Non è la prima volta che il venerdì li faccio riposare, gli altri anni anche lo abbiamo fatto. Questa situazione è già successa, quindi non c'è nulla di strano". E strano non è neanche il ritiro, secondo Donadoni. "Non sono scaramantico, non è successo che siamo andati in ritiro l'anno scorso, ma non guardo queste cose. Non ce la siamo andati a cercare, ci è stata offerta questa possibilità e l'abbiamo presa al volo". E insolita non è neanche la presenza di Sky a Collecchio, almeno per Donadoni. "La striscia di Sky? Non è successo nulla, non c'è niente di ufficiale. Vedremo. Mi spiace che si voglia trovare sempre e solo il lato negativo delle cose, mi da fastidio. Bisogna che le cose accadano prima di dare una valutazione, questo vale per il nuovo presidente, per la gestione precedente. E' stato fatto un ragionamento in funzione di questo, vediamo cosa ci offre". 

Il campo aspetta il Parma, il Sassuolo non vede l'ora di giocare il derby, Coda pure. Sta bene l'attaccante, "Ha un vantaggio rappresentato dal fatto che è un ragazzo integro, ha subito un infortunio importante al ginocchio ma è l'unico, io confido in lui, ha voglia di dimostrare che sta bene". Donadoni giustifica ancora il comportamento di Manenti: "Aspettiamo al 19, se questa società fallisce, anche il presunto investimento del presidente va in pattumiera. Voi avreste messo dei soldi? Vediamo che succede. Io preferirei che si stesse zitti tutti, prima di parlare ci devono essere fatti concreti. Se fossi un imprenditore e dovessi investire 100 euro, vorrei almeno delle garanzie. C'è ancora una settimana di tempo e se tutto quello che ha detto non si verificherà, bene, potrete dire tutto quello che volete. Se paga domani, o dopodomani ok, se non paga entro il 19 marzo è finita. E' impensabile che succeda in A quello che è successo a noi. Ma non ci aggrappiamo alla situazione societaria, Di Francesco deve temere il Parma perché il Parma giocherà fino alla fine. Qualcosa dal punto di vista tattico è cambiato, perché abbiamo vari interpreti che possono fare varie cose. Ora non c'è più Rodriguez, vedremo come fare per supportare la sua assenza. Mauri si inseriva un po' di più prima, ora non è che cambia tanto il suo modo di interpretare la partita. Lodi? Non gioca per scelta tecnica, Jorquera è a posto, può essere reintegrato". 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Fidenza Village: aperta una cantina con cucina Signorvino

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Coronavirus, a Parma 176 casi e un decesso

  • Cronaca

    Ritrovato il corpo di Andrea Diobelli

  • Cronaca

    Montagna stregata: altra vittima sul Marmagna

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento