Analisi qualità aria Borgo Val di Taro, Rainieri: "Risultati differenti nelle due relazioni"

Le due relazioni, si legge nell'interrogazione, riguardanti le rilevazioni del 2 febbraio 2017, sarebbero quella del direttore del servizio Igiene e sanità pubblica dell'Ausl di Parma e quella contenuta nel documento di aggiornamento sulle misure aria ambiente in esterno elaborato da Arpae Parma

Per le analisi sulla qualità dell'aria a Borgo Val di Taro del febbraio 2017 esistono due documenti che riportano risultati differenti: uno sottoscritto dal direttore del servizio Igiene e sanità pubblica dell'Ausl di Parma e l'altro contenuto nel documento di aggiornamento sulle misure aria ambiente in esterno elaborato da Arpae Parma. A metterlo nero su bianco è Fabio Rainieri (Ln) in un'interrogazione, depositata oggi, nella quale chiede spiegazioni all'esecutivo regionale. La questione riguarda le emissioni di odori nauseabondi che hanno investito il comune del Parmense e che, scrive il consigliere nell'atto ispettivo, "si sospetta siano causate dalla produzione di ceramiche della Laminam".

Non solo: Rainieri mette in evidenza che "nel documento dell'Ausl di Parma il valore di acroleina, principale sostanza sospettata di causare le emissioni odorigene e fortemente dannosa per la salute, è di 0,68 mg/Nm3. Un dato che però- rimarca il leghista- deve essere correlato al livello di produzione di quel giorno, che era di un terzo di quella massima autorizzata". E aggiunge: "è anche quasi certamente notevolmente inferiore al reale perché rilevato con un metodo (Epa To 11A) che a camino, secondo la quasi unanimità degli studi scientifici sulla materia, sottostima la concentrazione della acroleina del 70-90 per cento".

Infine, Rainieri ritorna sulle parole del sindaco di Borgo Val di Taro che nel gennaio 2017 "dichiarò pubblicamente- sottolinea l'esponente del Carroccio- che Ausl e Arpae Parma stavano effettuando controlli caratterizzati da campionature specifiche e particolari, le quali, anche se ancora in corso, consentivano già di affermare che non vi erano emissioni fuori norma. Ma le prime analisi- specifica Rainieri- sono state effettuate il 2 febbraio e non ne risulta alcuna a gennaio".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per questo chiede alla Giunta regionale se "esistano analisi effettuate a Borgo Val di Taro nel gennaio 2017, come affermò il sindaco," e in caso affermativo "per quali motivi non risultino nella documentazione ufficiale prodotta da Arpae e Ausl di Parma".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Travolto da un furgone e sbalzato contro una moto: ciclista 45enne gravissimo

  • A Parma il primo impianto dello stimolatore capace di interrompere i segnali di dolore al cervello

  • Devasta la stazione rischiando di far deragliare un treno: arrestato 21enne tunisino

  • Incidente sull'Asolana: moto contro un'auto, muore 50enne motociclista

  • Coronavirus, è il giorno 'zero': né decessi, né contagi

  • Tragedia in Appennino: trovato morto escursionista 55enne parmigiano

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ParmaToday è in caricamento