Welcome: al via l'innovativo progetto di volontariato d'impresa

Ideato e sviluppato da The Ad Store Italia: ecco come funziona

Un’atmosfera di accoglienza, di scambio culturale e di integrazione. Ieri sera a Parma, nella suggestiva location di BDC in Borgo delle Colonne, polo culturale situato nel cuore della città, è stato presentato WELCOME, l’innovativo progetto di volontariato d’impresa ideato e sviluppato da The Ad Store Italia, l’agenzia internazionale di comunicazione guidata da Natalia Borri.

Il progetto, realizzato con il patrocinio del Comune di Parma ed inserito nelle iniziative di Parma2020 per la sua capacità di portare avanti un nuovo racconto della città, è strutturato sulla base di un percorso triennale e ha l’obiettivo di fare della comunicazione la prima forma di integrazione.

Come? Lo staff dell’agenzia, composto da 35 persone, ha messo a frutto le proprie competenze in comunicazione non a favore di un brand o di un prodotto, ma per instaurare una relazione con altrettanti giovani rifugiati e richiedenti asilo ospitati nei centri di seconda accoglienza della città.

La prima fase del progetto ha visto i dipendenti di Ad Store trasmettere ai ragazzi immigrati segreti e consigli su come vivere meglio sul nostro territorio: come chiedere informazioni in un negozio, come andare alla fermata dell’autobus e capirne il percorso, come scrivere un curriculum e come affrontare un colloquio di lavoro.

Nella seconda fase, di quest’anno, sono stati invece proprio i richiedenti asilo a far conoscere ai dipendenti dell’agenzia come vivono le loro comunità presenti anche a Parma: cibo e cultura, musica e attività ricreative, stare insieme e fede, cura di sé e abitudini quotidiane sono tutti gli ambiti che hanno caratterizzato gli incontri di quest’anno, permettendo così ai dipendenti Ad Store di scoprire nuovi punti di vista, nuove tradizioni, nuovi linguaggi e forme espressive.

Il progetto si completerà infine l’anno prossimo, in occasione di Parma2020, con una terza fase in cui i migranti saranno protagonisti attivi di un progetto di comunicazione che avrà per oggetto proprio Parma.

L’originale iniziativa è stata raccontata dai protagonisti in occasione di un aperitivo in musica che ha visto la presenza, insieme ai dipendenti Ad Store e agli ospiti di Pozzo di Sicar e San Cristoforo Onlus, di moltissimi parmigiani, istituzioni ed autorità: sono intervenuti il Prefetto di Parma - Giuseppe Forlani, gli Assessori del Comune di Parma - Laura Rossi (Welfare), Michele Guerra (Cultura), Nicoletta Paci (Partecipazione e diritti dei cittadini a Parma) e Elena Dondi di Forum Solidarietà.

Filo conduttore di tutta la serata è stata sicuramente la musica, individuata dai dipendenti Ad Store come la più trasversale e potente delle forme di comunicazione. E così, dopo il dj set afro-house di Emma Iovino, protagonisti sono stati proprio loro, i giovani richiedenti asilo che, riuniti in due band (“Willy & Lamin” e “E’ più bello insieme”) hanno fatto ballare tutti i presenti con le loro performance di live music.

Il tutto in una splendida cornice, resa ancora più artistica dall’esposizione di una calligraphy exhibition e di una mostra fotografica, con ritratti di Massimo Spadotto, che hanno fatto da sfondo alla bellissima serata dedicata alla narrazione di un’esperienza di incontro e amicizia, vissuta attraverso parole, immagini e musica.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • I ristoratori si ribellano: "Il 15 gennaio apriremo nonostante i divieti"

  • Le regole dopo il 15 gennaio: ecco quando si potrà andare a trovare parenti e amici

  • Parma in zona arancione: il calendario delle regole nel fine settimana

  • Via al decreto gennaio, restrizioni fino a marzo: vietato uscire dalla regione, solo in due dagli amici

  • Parma scongiura la zona rossa

  • Viola il coprifuoco per andare a trovare la fidanzata: giovane multato per 400 euro

Torna su
ParmaToday è in caricamento