menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Scuola: ecco come gli studenti parmigiani torneranno in classe il 14 settembre

Mascherine e distanziamento sociale: ecco tutte le regole allo studio

Le linee guida ministeriali per la riapertura delle scuole, a cui il Miur sta lavorando con gli enti locali, sarebbero in dirittura d'arrivo proprio in questi giorni. Sulla data della riapertura, la ministra Azzolina ha precisato: "In questi giorni è andato avanti il confronto con il Cts sulla riapertura delle scuole. Nelle prossime ore condivideremo le linee guida con tutte le parti che hanno partecipato al tavolo di lavoro e giovedì le chiuderemo insieme a Regioni ed enti locali. Le scuole riapriranno in modo omogeneo su tutto il territorio nazionale. Per l'avvio del nuovo anno abbiamo già proposto la data del 14 settembre".

Le linee guida Miur per la riapertura delle scuole a settembre saranno per forza di cose flessibili, non rigide a parte pochi determinati paletti inscalfibili. Ogni scuola le adatterà in pratica in base alla propria situazione e ai propri bisogni, oltre che ai rapporti con le istituzioni locali. Tradotto: orari, ingressi e spazi potrebbero cambiare da scuola a scuola. Quelle che tutti dovranno sicuramente rispettare sono le regole sul distanziamento.

Che per tornare al più presto in classe servano test sierologici a professori e studenti "altrimenti non è pensabile ripartire" lo diceva qualche tempo fa anche il preside del liceo Volta di Milano, Domenico Squillace. Del dirigente in tanti si ricorderanno per la lettera che aveva scritto ai suoi studenti, a inizio lockdown. "Leggete Manzoni": era stato uno dei consigli del preside ai suoi ragazzi. La lettera si chiudeva con "Vi aspetto presto a scuola". Per ora è un auspicio, manca il progetto chiaro e definitivo da Viale Trastevere.

Secondo quanto preannunciato dal governatore veneto Luca Zaia "dal prossimo settembre, prima di entrare a scuola, i ragazzi dovranno superare il varco all'ingresso e sottoporsi alla misurazione della temperatura e indossare la mascherina, che andrà utilizzata fino all'arrivo al proprio banco e durante tutti gli spostamenti dal proprio posto. Mentre, durante le lezioni lo studente potrà abbassarla. Ogni banco poi dovrà avere intorno a sè uno spazio di due metri quadrati: così come la distanza dall'insegnante dovrà essere di due metri. E per evitare assembramenti negli spazi comuni durante la ricreazione è prevista anche l'opzione di doverla fare in classe, almeno durante la stagione invernale": linee guida che sarebbero condivise anche dagli altri presidenti di Regione, ma serve un ok da Roma. C'è però chi esprime parecchie perplessità su una valutazione esclusivamente numerica, vale a dire una equazione tra metri quadrati disponibili e numero studenti, perché nella scuola ci sono classi più o meno numerose, e uno sdoppiamento o il reperimento di altri luoghi avrebbe un impatto sul numero dei prof necessari in ogni scuola.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

I 4 ristoranti a Parma: ecco quali sono i locali visitati

Attualità

Blok 30, il nuovo centro polifunzionale di Parma

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento