Martedì, 15 Giugno 2021
Attualità

Su Physics Today uno studio dell’Ateneo di Parma sulla ricostruzione dell’acustica digitale degli edifici storici

Il lavoro scientifico di Angelo Farina, docente del Dipartimento di Ingegneria e Architettura, rientra nell’ambito del progetto europeo PHE (Past Has Ears) e del progetto regionale POR-FESR denominato SIPARIO

Nel numero di dicembre della rivista Physics Today è stato pubblicato il lavoro scientifico Exploring Cultural Heritage through Acoustic Digital Reconstructions, di cui è co-autore Angelo Farina, docente di Fisica Tecnica Ambientale del Dipartimento di Ingegneria e Architettura dell’Università di Parma.

Questa pubblicazione rappesenta il "lancio" del progetto europeo PHE (Past Has Ears) che coinvolge l’Università di Parma, l’Università di York (UK) e l’Università della Sorbona di Parigi, capofila dell’iniziativa. Si tratta di un progetto triennale, che ha avuto inizio il 1° ottobre 2020. L’attività svolta rientra anche nel progetto regionale biennale POR-FESR denominato SIPARIO, che ha avuto inizio il 1° settembre 2019, e che coinvolge le Università di Parma e di Bologna, il Consorzio Ferrara Ricerche e alcune aziende dell’Emilia-Romagna attive nel settore dell’acustica.

L’attività di entrambi i progetti consiste nell’effettuare una "fotografia acustica" della sonorità di edifici storici e di pregio architettonico o archeologico, in modo da preservare la loro sonorità per i posteri. Attività di questo tipo si rivelano molto utili nei casi in cui gli edifici vadano distrutti o danneggiati, come successo al Gran Teatro La Fenice di Venezia (che di fatto dà il nome al progetto SIPARIO) e, recentemente, alla cattedrale di Notre Dame a Parigi. In entrambi i casi, la disponibilità di accurate misurazioni acustiche ha consentito di progettare la ricostruzione in modo da preservare la sonorità originale e non solo l'aspetto visivo.

I recenti progressi nel settore della realtà virtuale e della realtà aumentata, uniti a moderne tecniche di aerofotogrammetria, consentono ora di utilizzare queste informazioni acustiche per realizzare esperienze immersive audio-video in realtà virtuale, e dunque di "visitare" virtualmente questi luoghi, con una completa e accurata ricostruzione sia del campo sonoro che della visione. E di realizzare "performances" musicali entro questi spazi virtuali: particolarmente rilevante è la ricostruzione di Notre Dame recentemente rilasciata dai colleghi dell'Università della Sorbona, chiamata “Ghost Orchestra” e visibile qui: https://www.lam.jussieu.fr/Projets/index.php?page=GhostOrchestra

Il progetto SIPARIO è orientato principalmente sui teatri storici italiani, mentre il progetto PHE si allarga all'archeoacustica, e in particolare l’Università di Parma si occupa dei teatri greco-romani, quale quello di Tindari, mostrato nel lavoro scientifico pubblicato su Physics Today.
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Su Physics Today uno studio dell’Ateneo di Parma sulla ricostruzione dell’acustica digitale degli edifici storici

ParmaToday è in caricamento