'Ndrangheta, sequestro di beni per 30 milioni di euro ai fratelli Vertinelli: una società, 11 aziende e 71 immobili

Aemilia. I Carabinieri del Ros di Reggio Emilia, Parma, Crotone, Aosta e Verona stanno eseguendo in questo ore un provvedimento di sequestro beni a carico di Palmo e Giuseppe Vertinelli già coinvolti nelle indagini di Aemilia, arrestati e poi liberati dal Tribunale del Riesame

Aemilia. I Carabinieri del Ros di Reggio Emilia, Parma, Crotone, Aosta e Verona stanno eseguendo in questo ore un provvedimento di sequestro beni a carico di Palmo e Giuseppe Vertinelli già coinvolti nelle indagini di Aemilia, arrestati e poi liberati dal Tribunale del Riesame e di nuovo sottoposti alla custodia in carcere il 3 settembre. Si tratta di un sequestro di beni per 30 milioni di euro. Nell'ambito del maxi processo appena iniziato a Bologna sono accusati di associazione mafiosa, riciclaggio e intestazione fittizia di beni. 

Una società, la Sime S.r.l. Di Verona, 11 aziende, 71 immobili e 22 veicoli, tutti beni sequestrati dai carabinieri dei Ros e dei comandi di Parma e Reggio Emilia , nelle zone di Parma, Reggio,  Crotone, Aosta e Verona, ai fratelli Palmo e Giuseppe Vetrinelli, attualmente detenuti presso il carcere di Bologna per associazione mafiosa, riciclaggio e intestazione fittizia di beni.

I sequestri, per un valore complessivo di 30,milioni di euro, sono stati disposti dal Tribunale di Reggio Emilia su richiesta della D.D.A. di Bologna. I due fratelli, originari di Cutro, sono ritenuti essere emanazione del clan 'ndranghetano Grande Aracri.

Le indagini hanno portato a scoprire un presunto legame tra Nicolino Grande Aracri e i fratelli Vetrinelli che espandevano gli affari illeciti del clan in Emilia, Calabria, Veneto, con propaggini anche in Valle d'Aosta. Sempre dalle indagini emerge che i due, attraverso società fittizie e prestanome, reinvestivano il denaro proveniente da attività illecite, anche direttamente del boss Grande Aracri. I Vetrinelli avrebbero aperto una società, la Sime, con sede legale in zona Verona allo scopo di sottrarsi ai controlli in Emilia Romagna, dopo aver subito sequestri in gennaio, febbraio e luglio scorsi. Avevano intestato l'azienda a un giovane prestanome e avevano trasferito i subappalti delle società sequestrate, cercando così di mantenere intatto il patrimonio reale accumulato e mantenendo in toto gli asset precedenti, compresi clienti, fornitori e maestranze

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: riapre il reparto Covid al padiglione Barbieri

  • Coronavirus, a Parma aumentano i casi: nove con un asintomatico

  • Incendio a San Prospero, vigili del fuoco a lavoro

  • Nuovo Dpcm: mascherine e distanziamento sociale fino al 7 settembre

  • Ribaltone Genoa: c'è Faggiano al posto di Marroccu

  • "L'aeroporto Cargo a Parma? Un disastro ambientale annunciato"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ParmaToday è in caricamento