Nido Allende di Collecchio, i sindacati: "no all'esternalizzazione"

I sindacati FP CGIL esprimono contrarietà insieme ai lavoratori dell'asilo Allende di Collecchio per l'ipotesi dell'eventuale esternalizzazione del nido.

L'esternalizzaizione del Nido Allende di Collecchio - commentano i sindacati FP CGIL - non troverebbe alcuna giustificazione per l'Amministrazione Comunale, né dal punto di vista organizzativo né dal punto di vista economico.

Questa posizione interpreta anche il sentire delle lavoratrici che attualmente operano presso il nido, comprensibilmente preoccupate per il loro futuro lavorativo.

Attualmente infatti, al nido Allende sono addette 14 lavoratrici (9 educatrici, di cui una a tempo determinato, e 5 unità di personale ausiliario e di cucina) dipendenti del Comune di Collecchio, che costituiscono l'organico pieno necessario al funzionamento delle 3 sezioni.

L'ipotesi di una gestione indiretta attraverso un appalto si troverebbe così ad appesantire il funzionamento della struttura o, peggio, a determinare un'ipotesi di ricollocazione del personale con una perdita di professionalità e di esperienza maturata.

Sarebbe poi sbagliato mettere in relazione la tipologia di gestione con gli eventi negativi che hanno interessato il nido all'inizio dell'anno scolastico. Premesso che è in corso un'indagine dell'Autorità giudiziaria sui fatti, e che finché non verrà fatta piena luce sull'accaduto è opportuno mantenere un atteggiamento prudente, la FP CGIL provinciale ritiene che la prevenzione di eventuali episodi sfavorevoli sia da ricercare in un attento lavoro di supervisione e di sostegno del personale, nonché di valorizzazione delle competenze di ognuno.

Negli scorsi mesi è stato aperto un tavolo con le organizzazioni sindacali e la RSU nel corso del quale l'Amministrazione ha presentato un progetto di riorganizzazione interna del funzionamento del nido, che è partito come fase sperimentale fino a giugno 2016.

Nel prossimo mese di marzo è previsto un incontro di valutazione intermedia della sperimentazione. In quella sede i sindacati di categoria torneranno a ribadire all'Amministrazione le proprie posizioni rispetto alle prospettive future del nido Allende.

Dal momento che il funzionamento dell'asilo è garantito dal personale attualmente in servizio, che lavora con dedizione e qualità, pensare a ipotesi di privatizzazione o di affidamento all'esterno significherebbe disperdere un patrimonio di conoscenze e di esperienze professionali costruito nel corso degli anni.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, primi due casi a Parma: un uomo e una donna ricoverati al Maggiore

  • Coronavirus, la situazione in Emilia-Romagna: "Chi ha dubbi chiami il 118, non vada al Pronto Soccorso"

  • Bimba di sei anni muore per meningite

  • Coronavirus, è psicosi: supermercati presi d'assalto anche a Parma

  • Coronavirus: scuole chiuse a Parma e in tutta la regione fino al 1 marzo

  • Precipita da una ferrata: durante un'escursione: muore 33enne parmigiano

Torna su
ParmaToday è in caricamento