menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Nessun fiocco in città, ma nevica sulla Cisa tra Fornovo e Pontremoli

Solo una forte pioggia nella serata di ieri e tanto freddo, ma dei soffici fiocchi a Parma neanche l'ombra. Diversa la situazione sull'appennino e nel parmense sopra i 600 metri. Sull'A15 mezzi spazzaneve in azione

La tanto attesa neve a Parma non è arrivata. Solo una forte pioggia nella serata di ieri e tanto freddo, ma dei soffici fiocchi neanche l'ombra. Diversa la situazione sull'appennino e nel parmense sopra i 600 metri. Qui la neve è caduta, anche se in quantità moderate. La società che gestisce l'autostrada della Cisa ha intanto diramato un bollettino di allerta per la presenza di neve nel tratto tra il casello di Fornovo (km 22+600) e il casello di Pontremoli (km 74+600) in entrambe le direzioni. Attenzione perchè sono in azione i mezzi spazzaneve.

NELLA FOTO ECCO COME SI PRESENTAVA STAMANE PRATOSPILLA

 

ERA TUTTO PRONTO

La Provincia di Parma, così come il Comune, sono già pronti  per la neve il cui arrivo è previsto per Venerdì. Per quanto riguarda la provincia, la task force per mantenere sgombri e percorribili i 1400 chilometri di strade di propria competenza, è già stata attivata: 200 mezzi per lo spazzamento, spargimento di sale e disgelanti. Tutto questo tratto, è stato diviso in tronchi da 12 Km ciascuno. Questo essere più funzionali e in modo tale da consentire più passaggi in minor tempo e avere come risultato una pulizia più efficiente del manto stradale.

Accanto ai centri operativi del servizio viabilità, dislocati sul territorio provinciale, si avrà anche un monitoraggio costante da parte degli addetti al Servizio provinciale Viabilità, incaricati 24 ore su 24, di controllare il livello effettivo di percorribilità delle strade. L' assessore provinciale alla Viabilità Andrea Fellini ha dichiarato: “Ci siamo preparati a lavorare nel miglior modo possibile per essere utili alla collettività. Il nostro lavoro però rischia di essere vanificato senza la collaborazione degli utenti della strada che invito alla responsabilità e alla prudenza riducendo al minimo, e ai casi di stretta necessità, l’uso dell’auto privata che comunque dovrà essere dotata di gomme da neve o catene”.
Mirata ai cittadini e in particolare alla loro sicurezza, la Provincia ha avviato un’azione informativa ad ampio raggio, sui comportamenti da tenere in caso di situazioni di pericolosità, perché ciascuno può contribuire a rendere le strade più sicure.

Anche il Comune si sta attrezzando per affrontare l'emergenza neve e i mezzi di cui dispone sono già pronti all'uso, sistemati a Cornocchio: 1030 tonnellate di sale e 117 di calcio cloruro. Altrettanti quantitativi, sempre di proprietà dell’Amministrazione parmigiana, sono invece stoccati a Ravenna.
A disposizione, 139 mezzi spartineve, 42 pale caricatrici, gli autocarri e i bobcat, 15 i mezzi spargisale e, infine, 50 gli operai spalatori.
I programmi di intervento sono precisi e organizzati: gli spartineve usciranno su strada quando si avranno almeno 5 cm di neve, altrimenti sarebbe inutile l'utilizzo delle pale raccoglitrici. Per quanto riguarda invece gli spargisale e cloruro, i primi si attiveranno ogni volta la temperatura scenderà sotto lo zero o saranno in previsione precipitazioni e bagnato sulle carreggiate, i secondi entreranno in azione quando si avranno le medesime condizioni ma con almeno sei gradi sotto lo zero.

Si tratta quindi di piani e programmi ben collaudati ed efficienti ma, come afferma l'assessore ai lavori pubblici, Giorgio Aiello, senza la collaborazione dei cittadini, non si può andare da nessuna parte: “Alcune realtà locali hanno anche emanato ordinanze per obbligare le auto a disporre di gomme antineve o catene a bordo. A volte si vedono in giro, con certe condizioni climatiche, auto che girano con pneumatici lisci creando problemi a sé stessi, disagi ad altri e rendendo vano l’operato del Comune. Perciò il mio invito è dotarsi delle giuste attrezzature, altrimenti di usare i mezzi pubblici o, al limite, di rimanere a casa”.

Allo stesso modo però, parlando dei marciapiedi, l'assessore Aiello si sofferma anche sulla responsabilità del Comune invitando però tutti quanti alla pazienza e alla comprensione: “Ai frontisti spetta la competenza, pertanto il Comune deve spazzare davanti ai propri edifici. Impensabile pretendere lo sgombero dei marciapiedi di tutta la città, la priorità va alle scuole, alle case per anziani e quindi a tutti gli altri gli edifici pubblici. La preghiera che vorrei rivolgere ai cittadini invece comprendere l’impegno, pazientare magari un attimo e collaborare, come detto, dotandosi delle idonee misure di sicurezza”.

“Quest’anno è stata anche migliorata – conclude l’assessore Aiello – la sinergia con la Polizia municipale che provvederà, in stretto rapporto con il centro operativo, a fornire la reale situazione delle strade e soprattutto a monitorare gli operatori ed i mezzi, in modo da assicurare la massima presenza e partecipazione alle operazioni di sgombero”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Viaggi in Europa: ecco cos'è il passaporto Covid

Attualità

Covid: a Parma quasi 45 mila vaccinazioni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento