Provenzano, tentato suicidio: solo per attirare l'attenzione?

Secondo la ricostruzione del Dap il capomafia infilò la testa in un sacchetto di plastica alla presenza di alcuni agenti, le perizie dei giudici hanno disposto la sua compatibilità con la carcerazione

Bernardo Provenzano

Infilò la testa dentro un sacchetto in plastica mentre stava parlando con gli agenti: per fermare Bernardo Provenzano non vi fu bisogno di fare irruzione in cella. E' questa la ricostruzione ufficiale compiuta dal Dap su quello che avvenne nel supercarcere di Parma nella notte tra il 9 e il 10 maggio scorsi, pubblicata oggi dal Giornale di Sicilia. Le perizie disposte dai giudici hanno ribadito la compatibilità del boss con la detenzione in carcere e le sue capacità di stare validamente in giudizio. Ora l'indagine dovrà stabilire se dietro il gesto del capomafia vi fosse la consapevole volontà di Provenzano di simulare un tentativo di suicidio per richiamare l'attenzione sul suo stato di salute.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo Dpcm di Natale, scatta lo stop ai viaggi: ecco quando ci sarà il divieto di spostamento

  • Borghese porta Parma su Sky: quali saranno i quattro ristoranti in gara?

  • Mascherine, istruzioni per l'uso: mai portarla in tasca o al braccio

  • Pizzarotti: "Da venerdì torneremo in zona gialla"

  • Nuova ordinanza: Parma resta arancione, negozi aperti la domenica

  • Verso il lockdown di Natale: coprifuoco e stop agli spostamenti tra regioni

Torna su
ParmaToday è in caricamento